x




La Vigor Matelica ''espugna'' Castelraimondo e riapre la corsa per la salvezza

Sette mesi e mezzo. Un digiuno interno che durava dalla notte magica della promozione finalmente spezzato. Nel momento più difficile della stagione, sull’orlo di un precipizio che poteva segnare un colpo durissimo alle speranze di salvezza, la Halley Matelica cambia il suo destino rovesciando nel finale una partita, quella contro la Le Patrie San Miniato, che più di una volta sembrava sul punto di sfuggire dalle mani. La Vigor è stoica nel tenere botta in un secondo tempo tutto in apnea, nel quale più volte sembra sul punto di capitolare, e poi nel finale piazza la zampata giusta e centra il secondo successo nelle ultime tre gare.

Una vittoria maturata dopo una sfida maschia, nella quale sono le difese a comandare e piccoli break da ambo le parti a segnare i momenti della partita. A partire meglio è la Halley, che dopo il punto a punto iniziale dà una prima mini-spallata sul finire del primo periodo (15-11 al 9’ con canestro e fallo di Adeola). I toscani non si scompongono e iniziano a martellare la palla dentro a Ohenhen, che con 10 punti in fila scava il solco a metà gara portando gli ospiti a sorpassare e provare pure la fuga (23-30 al 17’). Si segna col contagocce, la ruvidità difensiva toglie lucidità al tiro da fuori da entrambe le parti ma sembra beneficiarne San Miniato, che tocca anche il +8 nel cuore del terzo quarto (34-42 con due liberi di Cipriani). Matelica resta in scia, ma pare non avere mai la forza di riagguantare davvero la sfida. Almeno fino agli ultimi 2’, nei quali tutto cambia.

La Halley serra a doppia mandata il proprio canestro, Riccio dall’angolo firma la tripla del sorpasso che fa esplodere Castelraimondo (59-58 a 1’ dalla fine), poi un tap-in dell’immenso Provvidenza della serata spinge la Vigor sul 61-58. San Miniato è in tilt, Riccio in lunetta spinge i biancorossi a +5 (63-58 a 11” dalla fine). Sembra fatta, ma Quartuccio regala un ultimo brivido firmando la bomba del 63-61 con 5” sul cronometro. Il fallo immediato degli ospiti porta in lunetta Enihe, che è glaciale con il 2/2 che vale la seconda vittoria stagionale.

La Vigor aggancia Empoli e Cervia a quota 4, salendo a -6 dal 12° posto occupato proprio da San Miniato: peccato non aver ribaltato il -10 del match di andata, ma con 13 partite ancora da giocare di spazio per riaprire la corsa alla salvezza ce n’è ancora. (Fonte: ufficio stampa Vigor Matelica)

Halley Informatica Matelica - La Patrie San Miniato 65-61 (15-13, 12-19, 17-15, 21-14)

Halley Informatica Matelica: Alberto Provvidenza 15 (6/8, 1/1), Antonio Gallo 15 (4/8, 0/5), Gianpaolo Riccio 9 (2/3, 1/3), Fadilou Seck 9 (4/7, 0/0), Emmanuel Enihe 9 (3/5, 0/3), Emmanuel Adeola 5 (2/4, 0/1), Gabriele Mentonelli 2 (1/1, 0/0), Matteo Caroli 1 (0/0, 0/0), Samuele Vissani 0 (0/1, 0/2), Davide Paglia 0 (0/1, 0/2), Leonardo Fianchini 0 (0/0, 0/0), Samuele Polselli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 17 - Rimbalzi: 30 9 + 21 (Alberto Provvidenza 7) - Assist: 7 (Antonio Gallo 6)

La Patrie San Miniato: Daniel Ohenhen 13 (6/6, 0/0), Niccolò Venturoli 12 (3/5, 2/11), Alessandro Spatti 11 (3/7, 1/2), Luca Tozzi 10 (4/7, 0/1), Leonardo Cipriani 9 (3/4, 0/2), Renato Quartuccio 6 (0/0, 2/5), Lorenzo Bellachioma 0 (0/1, 0/3), Stefano Capozio 0 (0/0, 0/0), Luigi Cautiero 0 (0/1, 0/0), Giorgio Bellavia 0 (0/0, 0/0), Giosue Tamburini 0 (0/0, 0/0), Giulio Speranza 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 9 - Rimbalzi: 22 4 + 18 (Renato Quartuccio 5) - Assist: 10 (Niccolò Venturoli, Renato Quartuccio 3)

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!