Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Fortitudo Bologna - Reyer Venezia: 89 - 82 , Serie A > Girone Unico

Ancora una prova di gran cuore dell’Umana Reyer, che riesce a riaprire nel finale un match complicato sul difficile parquet di Bologna nel giorno del ritorno in casa in Serie A della Fortitudo, che però alla fine la spunta per 89-82. Senza Stone (che non ha partecipato alla trasferta per motivi personali), l’Umana Reyer parte con De Nicolao, Tonut, Bramos, Daye e Watt e si presenta con uno 0-5 firmato da Tonut e Watt. La partita è veloce, con ottimi attacchi e pochi falli, con la Fortitudo avanti per la prima volta al 4’ sull’11-10. Coach De Raffaele frena il primo tentativo di allungo bolognese (18-13 al 6’) con un time out, da cui gli orogranata escono ottimamente, impattando a quota 18 con Chappell e Tonut e poi tornando avanti sul 18-20 al 7’30” ancora con il numero 7. Il finale di quarto è però di una Pompea, che tira con grandissima precisione dal campo per il 26-21 al 9’, poi i liberi di Watt e Udanoh chiudono uno spettacolare primo quarto sul 26-24.

Daniel trascina i padroni di casa sul 33-24 al 12’, ma poi spende il terzo fallo. Watt, ben pescato dai compagni, ricuce sul 33-28 al 13’, con la partita che, dopo una fase con qualche errore su entrambi i fronti, si accende con le triple di De Nicolao, Aradori e Cerella (41-36 al 16’30”). Bologna continua a mantenere percentuali incredibili al tiro (70,8% dal campo sul 47-40 al 18’), ma l’Umana Reyer non molla, riportandosi in 30” a -1” (47-46) tra i due time out chiamati dalla panchina Fortitudo. Il finale di tempo è però amaro, per gli orogranata: prima non viene fischiato un hooking ad Aradori, che fa 2/2 dalla lunetta per il successivo fallo di Chappell; poi, per una reazione dopo essere stato sbilanciato dallo stesso Aradori nel tuffo per tenere in campo il pallone, Watt viene espulso con 2” da giocare (comminato nel frangente anche un tecnico a Stipcevic): Bramos fa 0/1, Stipcevic 2/2 e il punteggio all’intervallo lungo è 51-46.

Il nervosismo derivante dal finale di primo tempo si vede anche in avvio di ripresa, con l’Umana Reyer che si affida con basse percentuali al tiro da 3 e spende il bonus dopo soli 3’, con Bologna che vola sul 59-46. Una schiacciata di Daye sblocca gli orogranata dopo quasi 3’30”. Più volte l’Umana Reyer torna sotto la doppia cifra di ritardo, ma mai sotto il -9, e la Pompea ritrova in altrettante occasioni il massimo vantaggio di 13 punti. Negli ultimi due minuti di periodo, comunque, si segna col contagocce e due liberi, di Chappell e Bramos, mandano le squadre all’ultimo intervallo sul 69-58.

Si riparte con l’ennesimo +13 (71-58), con Filloy e una tripla di De Nicolao che, ancora una volta, valgono il -9 (72-63 al 31’30”), con pronto time out bolognese dopo il quarto fallo di Daniel. Il punteggio resta a lungo inchiodato, fino al botta e risposta Aradori-Daye per il 74-65 al 33’30”, con coach De Raffaele costretto al time out al 34’30” sul 76-65. Ma l’inerzia non cambia: di nuovo Mancinelli, con due canestri intervallati dal quarto fallo personale (e di squadra) di Daye, riscrive il massimo vantaggio bolognese sul +15 (80-65) al 36’. Ma l’Umana Reyer non è mai morta: Udanoh e De Nicolao da 2 ancora Udanoh e Cerella da 3 firmano lo 0-10 per l’80-75 al 38’.

Il time out Fortitudo non cambia le cose, perché Tonut segna ancora da 3, dopo un rimbalzo offensivo di De Nicolao, l’80-78 al 38’30”. A -55”, viene sanzionato un fallo molto dubbio di Bramos su Aradori (2/2 e 82-78), poi l’Umana Reyer non riesce a segnare nonostante i recuperi a rimbalzo offensivo, con invece Robertson ancora preciso dalla lunetta a -32” (84-78). Coach De Raffaele si gioca la carta dell’ultimo time out. Chappell trova due rapidi, così come Tonut (86-82 a -20”) dopo i liberi di Stipcevic. Ma non basta, perché la tripla della disperazione di Bramos non va e, alla fine, la Pompea vince 89-82.

Pompea Fortitudo Bologna - Umana Reyer Venezia 89-82

Pompea
: Robertson 13, Aradori 20, Cinciarini 4, Mancinelli 9, Dellosto ne, Leunen 2, Fantinelli 4, Daniel 8, Stephens 18, Stipcevic 11. All. Martino

Umana Reyer: Udanoh 12, Casarin ne, Bramos 8, Tonut 17, Daye 7, De Nicolao 8, Filloy 2, Vidmar, Chappell 10, Pellegrino ne, Cerella 6, Watt 12. All. De Raffaele

Parziali: 26-24; 51-46; 69-58.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: