Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pescara Basket - Don Bosco Livorno: 51 - 74

La quinta giornata dell’Interzona prometteva spettacolo e così è stato, almeno per il primo tempo. Poi la fortissima Livorno è emersa prepotentemente nella ripresa e ha piazzato un break che non ha lasciato scampo a Pescara Basket (51-74). La sconfitta di oggi non priva gli adriatici del sogno qualificazione, ma obbliga a dare il meglio per ottenere quanti più punti possibili da adesso alla fine del girone.

In un palazzetto gremito va in scena forse la partita più importante di tutta la stagione. I ragazzi di coach Di Tommaso partono subito forte, spinti da un coriaceo Capuani che si carica sulle spalle il peso offensivo di Pescara. Proprio l’atteggiamento giusto proposto dai padroni di casa lascia sgomenta la Don Bosco Livorno che, pur vantando un roster di grande qualità, fatica a mettersi in ritmo. Il piano partita elaborato dallo staff tecnico adriatico consente a Mordini e compagni di non subire troppo la superiorità fisica dei toscani e di chiudere la prima frazione a contatto (15-16).

Nel secondo quarto gli ospiti creano il primo strappo migliorando sensibilmente le proprie percentuali al tiro, specie dalla media, castigando con regolarità la difesa pescarese, leggermente più sulle gambe rispetto ai minuti precedenti. La partita in realtà si decide tutta nella metà campo livornese, dove la Don Bosco dà sfoggio di un’organizzazione senza eguali e costringe i nostri play a diverse palle perse sanguinose, convertite subito in contropiedi mortiferi. Più in generale, nonostante il punteggio rispetti il trend del primo quarto, i punti da seconda occasione e quelli in transizione forniscono l’imput a Livorno per chiudere il primo tempo in assoluto controllo (29-39).

Pescara torna comunque con lo spirito giusto sul parquet, chiudendo un break nei primi secondi che assottiglia di nuovo il divario con gli ospiti (33-39) ma poi crolla mentalmente e fisicamente davanti a una squadra che aveva rullato le altre squadre del girone. Coach Di Tommaso prova a scuotere i suoi da questa fase critica ma i richiami e le migliorie tecniche approntate dalla panchina non riescono a sortire l’effetto sperato e tra palloni persi banalmente e triple in transizione da parte dei livornesi la partita sfugge di mano (36-59).

Cala il sipario al Pala Aterno Gas&Power al termine di una gara vivace ed aperta per quindici minuti prima dell’affondo toscano prima della pausa lunga (51-74). Si era consapevoli della forza degli avversari, che i pronostici danno come favoriti per la vittoria del girone. Purtroppo non ci si aspettava un gap così netto. Merito ai livornesi in grado di mettere in luce tutte le proprie qualità, oscurando di contro i ragazzi di Pescara Basket sottotono dal punto di vista realizzativo e difensivo. Da oggi davvero ogni gara sarà una finale per ottenere i tanto desiderati pass per le finali nazionali. Pescara Basket è pronta per provarci.

Commenta così coach Di Tommaso: “Perdere fa male ma eravamo consapevoli del tasso tecnico e fisico di una squadra di un’altra categoria e che ha rifilato 39 punti all’Eurobasket (51-89) e quasi 60 a Jesi (100-42). Hanno dimostrato di essere superiori sotto vari aspetti. Quando abbiamo provato a scardinare la loro difesa, tutto si è rivelato inutile perchè, pur servendoci dei blocchi, essi risultavano inutili grazie alla capacità dei ragazzi di coach Bianco di cambiare su tutti. Fin quando abbiamo trovato con regolarità la via del canestro siamo stati in partita poi loro hanno inserito la quarta e sono scappati. Ora pensiamo alla prossima gara decisiva a questo punto contro l’Eurobasket di giovedì prossimo.”

Pescara Basket: Marino, Faragalli 5, Facciolà 2, Di Giovanni, Ricci 2, Masciopinto, Del Sole 10, Mordini 14, Fasciocco 5, Di Donato, Capuani 10, Malkic 2. Coach Di Tommaso, Ass. Coach Arbizzani

Don Bosco Livorno: Korsunov 8, Del Frate 2, Graziani 19, Bianco 10, Casarosa, Bonaccorsi 3, Ceparano 16, Panini 7, Galeani 9. Coach Russo

Parziali: 15-16; 14-23 (29-39); 7-20 (36-59); 15-15 (51-74)

Ufficio Stampa Pescara Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: