Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Reyer Venezia - Basket Cremona: 67 - 55 , Serie A > Girone Unico

Terza vittoria interna consecutiva per l’Umana Reyer, che batte 67-55 la Vanoli Cremona, al termine di una partita in cui la chiave è ancora una volta la difesa orogranata. Nessuna novità di roster o di starting five per l’Umana Reyer, che si sblocca dopo 1’30” con Vidmar (2-4) ben imbeccato da Daye. Gli orogranata cercano molto il loro lungo (schiacciata su assist di Chappell) e poi passano avanti con una tripla di Daye. Cremona si rende pericolosa solo quando riesce a correre, sfruttando anche la precisione dall’arco. Dal 9-11 di metà quarto, l’Umana Reyer riesce a interpretare al meglio il piano partita, mettendo le mani sull’inerzia e allungando progressivamente fino al 21-15 del primo intervallo.

In apertura di secondo parziale, il principale protagonista è Watt, ma è Tonut, a chiusura di un magistrale contropiede (stoppata di Watt e assist verticale di Stone), a dare all’Umana Reyer il primo vantaggio in doppia cifra: 29-19 al 13’. La Vanoli, però, non molla e torna a -3 (29-26) al 14’30”. Il break viene chiuso da un libero di Vidmar, con gli orogranata che rispondono a loro volta con un 6-0 (35-26 al 17’), con un finale di tempo in cui si segna poco (per l’Umana Reyer solo due liberi di Cerella) e si va così negli spogliatoi sul 37-32.

Polveri bagnate su entrambi i fronti in avvio di ripresa. Il primo canestro è di Stojanovic dopo quasi 2’30”, ma appena l’Umana Reyer si sblocca allunga con Daye, De Nicolao e Watt sul 44-34 a metà periodo. C’è molta foga in campo, a discapito della linearità del gioco, ma gli orogranata non perdono mai l’inerzia, mantenendo costante il vantaggio tra gli 8 e i 10 punti e poi allungando con una fiammata di Chappell sul 55-40 al 29’30”. Nei secondi finali di periodo, in ogni caso, la Vanoli riesce quanto meno a ricucire nuovamente a -10”: 55-45.

La partita continua a essere confusa anche nella prima metà dell’ultimo quarto, quando segnano solo Akele e Watt (57-47), prima di De Nicolao che, dall’arco, fa 60-47 a metà periodo. Cremona si schiera a lungo a zona, ma non trova la via del canestro, sbagliando anche diversi liberi. L’Umana Reyer è quindi in completa gestione, tornano a +15 (66-51), con Tonut, al 38’, prima del garbage time finale, che porta le squadre alla sirena finale sul 67-55.

Umana Reyer: Casarin, Stone, Bramos, Tonut 7, Daye 16, De Nicolao 10, Filloy, Vidmar 5, Chappell 8, Pellegrino ne, Cerella 6, Watt 15. All. De Raffaele.

Vanoli: Saunders 11, Mathews 7, Zanotti ne, Sanguinetti, Gazzotti 2, Diener ne, Sobin 2, De Vico, Tiby 8, Stojanovic 13, Palmi 10, Akele 2. All. Sacchetti.

Parziali: 21-15; 37-32; 55-45.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: