Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Scandone Avellino - Dinamo Sassari: 86 - 78 , Serie A > Girone Unico

La Dinamo Banco di Sardegna non trova la vittoria sul campo irpino della Scandone Avellino e cede agli uomini di coach Vucinic al termine di una sfida sempre in controllo dei padroni di casa. Il Banco di Sardegna tiene testa agli avversari nel primo tempo, la Scandone trova il break per chiudere avanti al 20’ condotta dalle prestazione balistiche dei suo. Ai biancoblu non bastano un ottimo Jaime Smith (15 pt, 5 as) e Jack Cooley (15 pt, 20 rb) e al 20’ il tabellone dice 47-40. Nel secondo tempo gli irpini scrivono il vantaggio in doppia cifra ma la Dinamo è brava a riportarsi fino a -5 trascinata da Bamforth (15 pt) e Thomas (10 pt). Nell’ultima frazione i sassaresi però sciupano le occasioni di riportarsi in parità e al PaladelMauro finisce 86-78.

Coach Esposito manda in campo Smith, Bamforth, Devecchi, Thomas e Cooley, Avellino risponde con Young, Green, Nichols, Filloy e Sykes. Nichols apre le danze dalla lunga distanza, il Banco firma un break di 7-0 con Smith, Thomas e Cooley. I padroni di casa si sbloccano con Sykes dall’arco: il capitano sassarese – alla partita numero 300 in serie A- risponde con la stessa moneta. Avellino si riporta in parità condotta dall’ex Caleb Green e Sykes, la Dinamo non ci sta e resta a contatto con Cooley, Polonara e Gentile (24-22).

La seconda frazione si apre con la tripla di Filloy, Jaime Smith firma la reazione sassarese e con 7 punti ristabilisce la parità. Botta e risposta dai 6,75 tra Nichols e Bamforth, che si iscrive a referto. Avellino trova il break con Green e Sykes, Sassari resta lì con Cooley e Polonara. Filloy infila un parziale di 4-0 che manda le squadre negli spogliatoi sul 47-40. Al rientro dalla pausa lunga i padroni di casa scrivono il vantaggio in doppia cifra trascinati dalle prestazioni balistiche di Sykes e Nichols. A suonare la carica ai giganti è la coppia Bamforth-Thomas.

Anche Diop si unisce alla causa ma Avellino scappa via: la tripla di Nichols scrive il +11 irpino ma Gentile accorcia in chiusura di quarto e riporta i suoi in svantaggio sotto la doppia cifra (67-58). Il Banco riduce lo svantaggio con Pierre e Diop, la Scandone ritrova il +11 con l’ex D’Ercole dall’arco. 5-0 biancoblu e i sassaresi restano in partita, Green dall’arco ricaccia indietro l’offensiva sarda. Cooley e Smith siglano il -5, l’infrazione e il tecnico sanzionati all’ex Cantù lo costringono in panchina. Gentile dalla lunetta riporta i suoi a un possesso di distanza. Il Banco spreca le due occasioni di riportarsi in parità, Nichols infila la bomba che allunga per la Scandone.

Cooley fa 1/ 2 dalla lunetta e si porta a quota 20 rimbalzi catturati: Young scrive il +7 biancoverde. Bamforth riporta i suoi a due possessi di distanza ma Young non trema a cronometro fermo: una sanguinosa palla persa spegne le speranze del Banco. Al PaladelMauro finisce 86-78. Oggi la squadra farà rientro in Sardegna e da domani lavorerà in vista della prossima sfida in casa: mercoledì, 26 dicembre, alle 18:15 Devecchi e compagni affronteranno la VL Pesaro nel match valido per la 12°giornata di campionato LBA.

Sala stampa. Coach Vincenzo Esposito commenta così la sconfitta: “Prima della partita avevo chiesto ai ragazzi di essere più aggressivi in difesa e delimitare determinate situazione e secondo me ci siamo riusciti discretamente. Dai primi due quarti ci siamo portati dietro quello scarto di 7-8 punti e quando ci siamo avvicinati non siamo mai riusciti a chiudere la rimonta, o per un canestro di Avellino o per un errore nostro offensivo. Sicuramente l’espulsione di Smith ci è costata cara in un momento positivo.

Quello che manca a questa squadra secondo me è la tenuta mentale quando arriva un problema durante la partita: tendiamo ad abbatterci per alcuni minuti e contro alcune squadre è fatale, un blackout tecnico o mentale come quello di oggi viene punito da giocatori di talento come Sykeso Green e non ti permette di restare attaccato alla partita. Non ho nulla da rimproverare ai ragazzi perché abbiamo lottato per 40’: quindi si continua a lavorare, cercando di sistemare le cose che non vanno e preparare la prossima partita che disputeremo tra poco più di 48 ore. Quella con Pesaro sarà una sfida importate, di fronte al nostro pubblico, in cui dovremo dare il massimo in campo”.

Scandone Avellino - Dinamo Banco di Sardegna 86-78

Parziali
: 24-22; 23-18; 20-18; 19-20.
Progressivi: 24-22; 47-40; 67-58; 86-78.

Scandone Avellino. Green,20 Nichols 22, Filloy 10, Bianco, Campani, Sabatino, Campogrande, D’ercole 6, Sykes 23, Spizzichini, Young 5. All. Nenad Vucinic.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu, Smith 15, Bamforth 15, Devecchi 3, Magro, Pierre 4, Gentile 8, Thomas 10, Polonara 4, Diop 4, Cooley 15. All. Vincenzo Esposito.

Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: