Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pallacanestro Acqualagna - Pol. Adriatica Sport Pesaro: 66 - 70

La Pol. Adriatica Pesaro espugna il campo di Acqualagna e conquista la nona vittoria stagionale, raggiungendo la Taurus Jesi al quarto posto della classifica.

Partono subito forti i padroni di casa che trascinati dal rientrante Puleo riescono a chiudere il primo quarto avanti di 10 punti (23-13). Ma i pesaresi trovano subito la forza di reagire  e già nel secondo quarto annullano lo svantaggio andando al riposo lungo in perfetta parità 37-37. La gara si mantiene equilibrata nei secondi venti minuti, con gli uomini di coach tonucci che nel finale riescono a portare a casa un'importante vittoria per la corsa alla conquista di un posto nei playoff. Nell'Adriatica quattro uomini in doppia cifra con Marchionni miglior marcatore della serata con 18 punti. Nei padroni di casa bene Muffa, 17 punti per lui, Puleo e Mancinelli, che chiudono con 16 punti a testa.

Pallacanestro Acqualagna - Pol. Adriatica Pesaro 66-70

Acqualagna: Mancinelli 16, Magnanelli ne, Lelli, Gaudenzi, Galasso ne, Toccaceli, Donnini, Federici 6, Puleo 16, Battistelli 2, Beligni 9, Muffa 17. All. Renzi

Adriatica
: Carnaroli 11, Sorace, Zeppa 11, Marchionni 18, Gennari 1, Vincenzetti 3, Baiocchi 10, Rolfini, Bernardini 6, Morelli 5, Sorcinelli 5. All. Tonucci

Parziali: 23-13, 14-24, 18-22, 11-11.
Progressivi: 23-13, 37-37, 55-59, 66-70.
Usciti per 5 falli: nessuno
Falli: Acqualagna 22, Pesaro 17.
Tiri da 3 punti: Acqualagna 7, Pesaro 12.

Arbitri: Todini e Rabhi

La Redazione di BasketMarche

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: