Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Brown Sugar Fabriano - Upr Montemarciano: 74 - 64

I Brown Sugar Fabriano non falliscono e conquistano la loro prima storica vittoria in Serie D nella gara d'esordio. I ragazzi del duo Bolzonetti - Vico hanno la meglio sul Montemarciano al termine di una gara molto combattuta ed equilibrata nella prima parte, e decisa dal grande terzo parziale giocato dai padroni di casa. Dopo i primi due parziali, infatti, terminati sul punteggio di 32-34, i fabrianesi piazzano un break di 28-11 al rientro in campo dopo la pausa lunga, che decide la sfida. Sono i canestri di Pellacchia, Moscatelli e Pallotta, capaci di chiudere tutti a 16 punti, a permettere al Brown Sugar di portare a casa i due punti.
Al Montemarciano, sceso in campo con la pesante assenza di Norato, non bastano i canestri di Novelli, miglior marcatore della serata a quota 18, Cardinaletti, Carbonari e Guida, capaci di finire tutti in doppia cifra.

Brown Sugar Fabriano - Upr Montemarciano 74-64

Fabriano: Carnevali 10, Narcisi 2, Tonini, Pellacchia 16, Moscatelli 16, Braccini, Sacco A. 5, Pallotta 16, Nizi 7, Sacco L., Fabrianesi 2. All. Bolzonetti

Montemarciano: Guercio 1 Cardinaletti 14, Paolinelli 5, Novelli 18, Luccioni ne, De Fenza 4, Carbonari 10, Guida 12, Di Lenardo, Catani, Francoletti. All. Simoncioni

Parziali: 18-19, 14-15, 28-11, 14-19.
Progressivi: 18-19, 32-34, 60-45, 74-64.
Tiri da 3 punti: Fabriano 10, Montemarciano 7.
Falli: Fabriano 18, Montemarciano 26.
Usciti per 5 falli: nessuno.

Arbitri: Giovannini e Marconi.

La Redazione di BasketMarche

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: