Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Reyer Venezia - Pistoia Basket: 84 - 80

Contro un’encomiabile Pistoia, che ha onorato appieno l’impegno, lottando fino alla fine con il cuore, l’Umana Reyer riesce ad arrivare alla pausa del campionato sull’onda di una vittoria: 84-80 il finale.
Nel quintetto iniziale orogranata, con Haynes, Bramos, Peric e Watt c’è l’ex Jenkins che, dopo il libero iniziale di Watt, ne mette 7 di fila per l’8-5 al 2’ (per gli ospiti a segno solo Gordon). L’Umana Reyer carica Pistoia di falli, ma i toscani restano a contatto soprattutto grazie ai rimbalzi offensivi (saranno ben 6 dopo i primi 10’, tre dei quali dell’ex Magro). Sono due triple centrali di Peric a scavare il primo break significativo, per il 20-13 al 6’30”. Pistoia si mette a zona, con gli orogranata che continuano a trovare falli degli avversari, ma sono imprecisi dalla lunetta (5/10 nel primo quarto). De Nicolao aggiorna il massimo margine con una tripla (23-15 all’8’30”), poi combina bene con Biligha, che chiude la prima frazione dalla lunetta dando all’Umana Reyer il primo vantaggio in doppia cifra: 27-17.

Ancora una tripla (di Orelik) porta gli orogranata sul 30-19 all’11’30”, poi arrivano l’antisportivo di Barbon e il terzo fallo di Bond e Magro, di cui l’Umana Reyer approfitta solo in parte. Anche Peric viene pescato in antisportivo, poi capitan Ress si mette in mostra con una grande stoppata su Gaspardo e la tripla (ottava su undici tentativi per gli orogranata!) del 44-31 al 16’30”. Nel finale di tempo, però, gli orogranata rallentano troppo e Pistoia, trascinata in particolare da Gaspardo (unico del match in doppia cifra, a quota 14, dopo i primi due quarti) si riavvicina progressivamente e Laquintana chiude un break di 1-10 che manda le squadre all’intervallo sul 45-41.

L’Umana Reyer alza l’intensità difensiva al rientro in campo e, nonostante qualche imprecisione offensiva, riprende il vantaggio in doppia cifra (51-41 al 22’30” con Bramos). Johnson è il dodicesimo orogranata a iscriversi a referto, con la tripla del 54-44 al 23’30” e Biligha il primo ad arrivare alla doppia cifra al 24’ (56-47). Johnson è scatenato e arriva anche lui alla doppia cifra (in soli 3’) per il 63-49 al 26’30”, poi la tripla di Peric vale il massimo margine: 66-51 al 28’, con il quarto che si chiude sul 68-56.

Pistoia non molla in un ultimo quarto che vede in avvio molti errori su entrambi i fronti. L’ennesima tripla di Johnson ricaccia gli ospiti a -13 (74-61 al 33’30”), poi un break di 0-8 riapre il match sul 74-69 subito dopo metà quarto. Le due squadre si affidano soprattutto al tiro da 3, con Mian che risponde a Orelik e Moore a Johnson. Si arriva così all’ultimo minuto sull’80-75. Orelik è preciso dalla lunetta, Moore segna ancora da 3 (82-78 a -40”), poi Johnson segna il canestro della vittoria (dato da 2 con l’instant replay) a 19” dalla fine, visto che il canestro finale di Moore riscrive solo il punteggio sull’84-80.

Umana Reyer: Haynes 5, Peric 14, Johnson 18, Bramos 4, De Nicolao 3, Jenkins 7, Orelik 8, Bolpin 3, Ress 3, Biligha 10, Cerella 2, Watt 7. All. De Raffaele

The Flexx: Barbon 3, Laquintana 7, Mian 14, Gaspardo 23, Del Chiaro ne, Onuoha, Bond 2, Magro 7, Gordon 7, Moore 17. All. Esposito

Parziali: 27-17; 45-41; 68-56.

Ufficio Stampa Reyer Venezia

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: