Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro - Pallacanestro Trieste 2004: 72 - 81

Playoff in cassaforte, per la neopromossa da dieci e lode XL Extralight si trattava soltanto di stabilire in quale posizione chiudere la regular season. Ultima giornata di stagione regolare, e già al Palasavelli si respira aria di post season. Trieste prima in classifica, appaiata alla Consultinvest Bologna, ha voluto blindare a tutti i costi il loro primato, e c’è riuscita. Si è portata a casa due preziosi punti, dopo quaranta minuti giocati da vera leader.

Dopo appena settanta secondi la Poderosa è 8/0. L’under Maspero rompe il ghiaccio con una delle sue bombe, ma le realizzazioni di Janelidze e di Mussini (rispettivamente 8 e 15 punti), portano il tabellone sul 3/12, e coach Ceccarelli chiama timeout. Ancora dominante Trieste, la cui pressione offensiva viene arrestata solo in parte dallo showtime di Marshawn Powell (8/14). Rubare palla e subire fallo è infatti l’unica soluzione tampone che la Poderosa trova nei confronti di Bowers (per lui 15 punti nei primi 10 minuti) e compagni. Proprio quando la situazione sembrava prendere una piega leggermente diversa, un fallo tecnico alla panchina veregrense dopo otto giri di lancette manda Prandin ai liberi, che li mette dentro e rincara la dose con un tiro in area (18/22).

Il secondo quarto, che si apre sul 19/28, viene scosso dal capitano Amoroso che con falli subiti e triple porta la Poderosa a -7 (24/31). Ma Loschi con un tiro da tre rimanda l’Alma a +10 (24/34), e la musica non cambia: con Mussini, immarcabile, in doppia cifra, la panchina gialloblu è costretta a chiamare il secondo timeout dall’inizio della partita. Dopo qualche errore al ferro per i gialloblu, Green recupera palla e va da solo in volata, mentre il massimo distacco +14 (33/47) lo firma Bowers Laurence, che da solo nei primi due quarti ha collezionato una media di 75% al tiro. La tripla di Corbett porta ossigeno al Palavelli, ma non basta: si va all’intervallo sul 36/47.

La giocata di Corbett e la schiacciata di Powell riportano la Poderosa a 40/47, ma Green vanifica gli sforzi degli americani con una tripla, ed è tutto da rifare (40/50). I gialloblu non ci stanno a fare brutta figura davanti ai numerosi spettatori, e Powell e Amoroso portano il tabellone a 46/52. Timeout triestino. Amoroso trasforma l’assist di Treier in due preziosi punti e, complice il nervosismo di Green, la Poderosa vola a -2 (52/54). Fernandez, completamente libero, tenta il tiro da tre e lo centra, ma Powell corre ai ripari in solitaria (54/59). Ultimo quarto: si parte sul 56/61 e una schiacciata di Green in testa a Nikolic non fa presagire nulla di buono. Tripla di Fernandez ed è subito Ceccarelli-timeout (58/68). Maspero mette una delle sue triple, ma lo imita Janelidze sempre da tre ed è ancora +10 per Trieste.

Ad appena due minuti e mezzo alla fine della regular season Powell offre a Corbett un assist su un piatto d’argento, che non va vanificato: il Palasavelli si da una svegliata e crede che sia ancora tutto possibile. Palla biancorossa sul 71/75. La tripla di Green e la sua successiva realizzazione da due in rapida sequenza smorzano però gli animi casalinghi, ed a quaranta secondi alla fine c’è ben poco da fare per i gialloblu sotto di 8 punti (72/80). La partita termina 72/81, sotto l’eco di un meritato “Grazie ragazzi” cantato dalla curva ospiti.

L’Alma chiude così in bellezza un campionato vissuto sempre a gonfie vele, tanto da blindare con oggi la sua ventiduesima vittoria stagionale. Soddisfazione per Coach Dalmasson, che si appresta, fari puntati, a vivere i playoff come primo allenatore di una squadra che fin da settembre era nota a tutti come la chiara candidata per la promozione in serie A1. Buona la prestazione dell’ultimo acquisto veregrense, Stefan Nikolic, che già ad Imola si era comportato bene, e ottima la prestazione di Maspero: entrambi erano chiamati oggi a colmare i vuoti di due gap non indifferenti. Pesanti le assenze del factotum-playmaker Eugenio Rivali, infortunato nella scorsa giornata, e del lungo titolare, Luca Campogrande.

XL Extralight Montegranaro - Alma Pallacanestro Trieste 72-81 (19-28, 17-19, 20-16, 16-18)

XL Extralight Montegranaro
: Valerio Amoroso 24 (6/9, 1/4), Lamarshall Corbett 21 (7/10, 1/6), Marshawn Powell 13 (5/10, 0/4), Lorenzo Maspero 9 (0/1, 3/7), Ousmane Gueye 3 (0/2, 1/3), Stefan Nikolic 2 (0/0, 0/2), Kaspar Treier 0 (0/0, 0/1), Dario Zucca 0 (0/1, 0/1), Giuseppe Altavilla 0 (0/0, 0/0), Simone Cimini 0 (0/0, 0/0), Luca Campogrande 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 20 - Rimbalzi: 26 5 + 21 (Marshawn Powell 8) - Assist: 10 (Lamarshall Corbett 4)

Alma Pallacanestro Trieste: Javonte damar Green 20 (5/7, 2/2), Laurence Bowers 18 (3/9, 3/4), Federico Mussini 15 (3/6, 3/6), Giga Janelidze 8 (2/3, 1/2), Federico Loschi 7 (2/2, 1/3), Roberto Prandin 6 (0/1, 2/2), Daniele Cavaliero 4 (0/2, 1/4), Juan Fernandez 3 (0/3, 1/1), Alessandro Cittadini 0 (0/0, 0/2), Lorenzo Baldasso 0 (0/1, 0/1), Matteo Schina 0 (0/0, 0/0), Lodovico Deangeli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 11 - Rimbalzi: 35 8 + 27 (Laurence Bowers 9) - Assist: 17 (Daniele Cavaliero, Juan Fernandez 4)

Nicoletta Canapa

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: