Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Victoria Libertas Pesaro - Basket Cremona: 63 - 74 , Serie A > Girone Unico

Posticipo televisivo per una VL, ancora tristemente ferma a 0 punti, ritorna dopo due trasferte alla Vitrifrigo. Ciò che arriva dagli altri campi nel pre-partita è foriero di nubi sempre più dense per la Carpegna: Pistoia e Trieste vincenti, rispettivamente su una deludente Reyer per 89-87, mentre gli alabardati hanno avuto la meglio per 69-61 su Treviso. Ciò vuol dire che i pesaresi, nel caso della decima sconfitta sarebbero a ben 6 punti di distacco da una quota salvezza che è una vera e propria chimera. Sul fronte partita, i pesaresi rivedono sotto le plance Chapman e portano in panchina per onor di firma Totè; la Vanoli invece viene da un momento estremamente positivo, dopo l’innesto del lungo Happ.

Arbitri: Biggi M., Di Francesco G.F., Dori G. [spettatori 3789]

QUINTETTI

VL: Barford, Pusica, Thomas, Chapman, Zanotti
VANOLI: Saunders, Mathews, Ruzzier, Sobin, Happ

PARZIALI: 13-18, 27-40 (14-22); 45-59(18-19); 63-74(18-15)

VL: Barford 17, Drell 0, Mussini 11, Pusica 2, Miaschi 2, Eboua 11, Chapman 4, Alessandrini Ne, Basso Ne, Thomas 10, Totè NE, Zanotti 8 . All. Perego

Vanoli: Saunders 16, Mathews 11, Zanotti G. Ne, Sanguinetti 0, Gazzotti NE, Ruzzier 11, Sobin 6, De Vico 3, Happ 12, Stojanovic 6, Palm 5, Akele 4. All. Sacchetti

Note: antisportivo per Happ al decimo primo quarto.

1° Quarto

Primo canestro del match ad opera di Thomas dopo ben 2 minuti e mezzo di match; gli errori non mancano da entrambe le parti però. Sobin mette i primi due di Cremona. Parità che continua nei primi cinque minuti; per i pesaresi è Barford a creare le uniche conclusioni per i pesaresi; ne segna 7 consecutivi ma appena comincia il solito “tiro al piccione” per i pesaresi cominciano subito le prime difficoltà. Palmi mette la tripla del +4 e Perego chiama immediatamente la prima sospensione. I pesaresi si trovano in difficoltà sotto le plance, concedendo due facili ad Akele. Thomas inanella la solita serie di errori e con la tripla di De Vico il ritardo è già di 7 punti. I pesaresi riescono a limitare i danni grazie all’antisportivo di Happ. Si chiude un brutto quarto sul 13-18.

2° Quarto

Sulla falsariga di una brutta partita anche questo inizio di quarto; i pesaresi sbagliano con Drell facili triple completamente libere ma per fortuna anche i cremonesi risultano imprecisi. Palmi rimette un nuovo +7 per la Vanoli. Miaschi appena entrato ne mette due importanti in un momento di forte emorragia offensiva. Ma l’inerzia è totalmente Vanoli: Ruzzier mette il massimo vantaggio sul +8. I pesaresi continuano a macinare errori al tiro e Perego è costretto alla seconda sospensione dopo la doppia cifra di svantaggio firmata Saunders. I pesaresi trovano qualche punto solo con i liberi di Barford, dato che dal campo la Carpegna fa enorme fatica (1/13 al tiro pesante e 6/14 da due). I pesaresi tentano la carta zone-press. Thomas, finora evanescente, ne mette quattro consecutivi, accorciando a -7, ma immediatamente le due triple di Mathews rispediscono i biancorossi a -13. Si chiude sul 27-40 con un sanguinoso contropiede preso a 5 secondi dal termine da palla in mano. Bottino magrissimo per la Carpegna che paga un orrendo 1/16 dalla linea dei 6.75.

3° Quarto

Pronti via e nuovo massimo vantaggio sul +16 per la Vanoli con la tripla di Ruzzier. I pesaresi tentano una scossa con Thomas e Eboua ma ciò che accade è quello che si è visto miliardi di volte durante la stagione, un fuoco di paglia. Happ corregge prima il suo errore per un nuovo +16 e poi, in un altro contropiede preso con zone-press ,il +18, su cui Perego è costretto alla sospensione. Pusica continua nella sua serata totalmente no, i tiri dalla lunga continuano ad essere una chimera. Cremona mantiene facilmente la distanza dei 16-18 punti. Saunders scrive un nuovo massimo vantaggio sul +19.Solo sul finale di quarto si vede un mini-parziale pesarese con Zanotti che trova solo ora la seconda tripla del match biancorosso al ventottesimo minuto e Mussini che scrive -14, su cui si chiude il quarto, con il tabellone che recita 45-59.

4° Quarto

Continua il parziale positivo per la Carpegna che con Eboua si riporta a 10 punti di svantaggio. Stojanovic riporta a punti la Vanoli ma almeno ora i pesaresi sembrano in partita. I cremomesi perdono due banali palloni consecutivamente ma nella decisiva azione per tornare sotto la doppia cifra il tiro è affidato ad Eboua che perde malamente la sfera. È comunque Zanotti a portare sotto i 10 punti con la seconda tripla della serata pesarese nell’azione successiva. Saunders ne segna due facili facili nel momento di dover stringere le maglie difensive il più possibile. Eboua e i liberi di Barford tentano una nuova disperata rimonta. Happ risponde immediatamente. Confusione da entrambe le metacampò per un minuto.

A 3’15” dall’ultima sirena i punti da recuperare sono però ancora 8. Non segna più nessuno; Pesaro si mangia un facile contropiede che la avrebbe riportata sotto di 6, Happ due già fatti da sotto canestro. Si entra negli ultimi due minuti sul 59-67. Cremona tenta in tutti i modi di far rientrare in partita la Carpegna che per tre volte perde l’occasione per tentare almeno di giocarsela fino in fondo. La partita la chiude Mathews con la terza tripla personale di giornata. Si chiude sul 63-74 un match che tiene Pesaro inchiodata a 0 punti e a 6 punti da una salvezza che ora come ora è diventata già un sogno alla decima di campionato. Impossibile vincere con 22/71 dal campo ( di cui 4/29 da tre) nonostante una prova tutt’altro che irresistibile della Vanoli di Meo Sacchetti.

Giacomo Bertini

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: