Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

88ers Civitanova - Fochi Pollenza: 79 - 73 , Serie D Regionale > Girone A

Gli 88ers Civitanova si aggiudicano il big match contro i Fochi Pollenza e raggiungono i ragazzi di coach Luciani in testa alla classifica, in attesa dell'impegno del Basket Maceratese. Gli 88ers, grazie alla dodicesima vittoria consecutiva, portano a casa anche il vantaggio nel doppio confronto diretto, che potrebbe risultare decisivo in un campionato equilibrato ed incerto come quello a cui stiamo assistendo.

I padroni di casa hanno condotto praticamente dall'inizio alla fine, con vantaggi che nei due quarti centrali sono stati spesso in doppia cifra. I Fochi comunque non hanno mai mollato, rimanendo in partita fino alla fine e cedendo solo negli istanti finali della gara. negli 88ers in quattro sono andati in doppia cifra, con Sappa, miglior marcatore della serata con 16 punti. Nei Fochi buone le prove di Riccardo Mazzoleni e Ciferri, che hanno chiuso con 15 punti a testa. 

88ers Civitanova - Fochi Pollenza 79-73

Civitanova: Cuna 2, Polidori 11, Pagliariccio 6, Ferraro 7, Evangelisti ne, Tappatà 14, Napoli 1, Sappa 16, Pacioni 13, Mazzieri 9. All. Palmieri

Pollenza: Vignati L. 6, Vignati G. 7, Merlini, Ciferri 15, Luciani C. 6, Mazzoleni R. 15, Scocco 6, Grande 5, Cingolani 2, Kasperskyy 3, Mari 3, Mazzoleni G. 5. All. Luciani N.

Parziali: 21-17, 24-17, 16-16, 18-23.
Progressivi: 21-17, 45-34, 61-50, 79-73.
Usciti per 5 falli: Vignati L., Mazzoneni R. e Mazzoleni G. (Pollenza)

Arbitri: Armuzzi e De Carolis

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: