Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ascoli Basket - 88ers Civitanova: 55 - 82 , Serie D Regionale > Girone A

Gli 88ers Civitanova passano nettamente anche sul campo dell'Ascoli Basket, conquistando l'undicesima vittoria consecutiva, che consente agli uomini di coach Palmieri di rimanere saldi al secondo posto al pari del Basket Maceratese, a soli due punti dalla capolista Fochi Pollenza, che ancora deve osservare il proprio turno di riposo, e che sarà il prossimo avversario dei civitanovesi, per un confronto diretto che potrà incidere molto sull'ordine di arrivo finale delle prime tre della classifica.

Il successo degli 88ers è stato molto più complicato di quanto non dica lo scarto finale tra le due squadre. La gara infatti è stata in equilibrio per trenta minuti, con gli ospiti che hanno dilagato solo nel finale grazie al parziale di 23-1 degli ultimi dieci minuti di gioco. Negli 88ers ottime prove di Tappatà e Sappa che hanno chiuso, rispettivamente, con 28 e 23 punti a referto. Nella squadra ascolana in tre sono andati in doppia cifra, con Mazzella su tutti con 12 punti realizzati.

Ascoli Basket - 88ers Civitanova 55-82

Ascoli: Santini 5, Falcioni 4, Filippini, Rapposelli, Mattei 11, Falà 2, Bellinzona 3, Bonfigli 11, Bassetti 7, Mazzella 12. All. Caponi

Civitanova: Cuna ne, Polidori 12, Ferraro 2, Evangelisti, Tappatà 28, Napoli 9, Sappa 23, Pacioni 2, Mazzieri 6. All. Palmieri

Parziali: 18-20, 16-21, 20-18, 1-23.
Progressivi: 18-20, 34-41, 54-59, 55-82.
Usciti per 5 falli: nessuno

Arbitri: Corradini e Marinozzi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: