Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Bad Boys Fabriano - Pallacanestro Pedaso: 75 - 66 , Serie D Regionale > Girone A - Marche

 I Bad Boys Fabriano superano la Pallacanestro Pedaso dopo un tempo supplementare e conquistano la seconda vittoria consecutiva. Partita molto intensa e fisica, che vede partire meglio gli ospiti che, nonostante la pesante assenza di Del Buono, conquistano fin dal primo quarto un vantaggio in doppia cifra, che riusciranno a mantenere per circa trenta minuti di gioco. 

I fabrianesi, che presentavano in campo la novità Riccardo Marzoli, riuscivano a recuperare il gap con un ottimo ultimo quarto riuscendo a portare la partita all'overtime. Nel supplementare i Bad Boys sfruttavano l'inerzia ormai dalla loro parte e riuscivano a portare a casa i due punti. Nei locali in quattro vanno in doppia cifra, con Marzoli e Conti su tutti con, rispettivamente, 18 e 19 punti. Nel Pedaso bene Venditti che ha chiuso con 19 punti.

Bad Boys Fabriano - Pallacanestro Pedaso 75-66 dts

Fabriano: Marzoli 18, Cinti ne, Falappa A., Zepponi, Conti 19, Moscatelli S. 11, Moscatelli R. 9, Tozzi 1, Passarini 10, Mearelli, Toppi 8, Barocci. All. Rapanotti

Pedaso: Del Buono ne, Piciotti, Stampatori 5, Moriconi, Nanni 8, Manfrini 9, Di Silvestro 10, Giulietti 13, Albertazzi 2, Menghini ne, Venditti 19. All. Saccoccia

Parziali: 10-17, 17-20, 16-15, 17-8, 15-6.
Progressivi: 10-17, 27-37, 43-52, 60-60, 75-66.
Usciti per 5 falli: Moscatelli R. (Fabriano); Di Silvestro e Venditti (Pedaso)

Arbitri: Marconi e Battino

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: