Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Basket Maceratese - Sporting Porto Sant'Elpidio: 79 - 67 , Serie D Regionale > Girone A - Marche

Il Basket Maceratese supera lo Sporting Porto Sant'Elpidio e chiude il proprio 2018 con la decima vittoria stagionale, rimanendo a soli due punti dalla capolista Fochi, che tra l'altro nella prossima giornata osserverà il proprio turno di riposo. La partita si decide, in pratica, nel primo quarto quando i maceratesi scavano subito un solco importante, chiudendo avanti alla prima sirena sul 28-9.

Gli elpidiensi pur continuando a giocare senza mai mollare, non riusciranno più a recuperare lo svantaggio, lasciando così strada ai padroni di casa. Solo nell'ultimo quarto lo Sporting riesce ad abbozzare un tentativo di rimonta, che ha il risultato di riuscire a dimezzare il gap tra le due squadre. Nell'ABM sono andati a referto undici giocatori, con Nardi su tutti con i suoi 20 punti realizzati. Nella squadra ospite bene Balilli e Rosettani che chiudono, rispettivamente, con 17 ed 11 punti.

Basket Maceratese - Sporting Porto Sant'Elpidio 79-67

Macerata: Tiberi 2, Cannas 9, Zamponi 11, Centioni 2, Cardinali 1, Core 3, Nardi 20, Illuminati, Santinelli 5, Soricetti 9, Severini 14, Tommasini 3. All. Palmioli

Porto Sant'Elpidio: Balilli 17, Di Pietro 2, Savini 2, Rosettani 11, Ndour 6, Rapagnani 6, Orsini 1, De Sousa 2, Cappella M. 8, Prati 9, Marozzini 3. All. Cappella R.

Parziali: 28-9, 19-20, 18-16, 14-22.
Progressivi: 28-9, 47-29, 65-45, 79-67.
Usciti per 5 falli: nessuno

Arbitri: Adami e Caforio

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: