Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Bees Basketball Pesaro - Marotta Basket: 64 - 71 , Prima Divisione > Girone A

Vittoria sofferta per il Marotta Basket che a Pesaro dopo un tempo supplementare espugna il campo dei Rattors. Partita costantemente in equilibrio, la squadra di presidente Venturi merita il successo non tanto per come l’ha disputata, piuttosto invece per le menomate condizioni in cui si è trovata ad affrontarla. Tra defezioni, assenze, infortuni, malattie e impegni il Marotta Basket si presenta a Pesaro in piena emergenza e con gli uomini contati. Peggio ancora, tra gli stessi dieci iscritti a referto, i fratelli Sciarrini, chi per un motivo, chi per un altro, scendono in campo non in perfette condizioni così come Vignoli ancora alle prese con un fastidiosissimo problema fisico. Senza minuti nelle gambe, ma grazie alla Provvidenza, Bertolini invece lo si è praticamente trascinato giù dall’aereo dopo un lungo tour mondiale lavorativo.

Alla vigilia dell’incontro quindi i timori, i dubbi e i presupposti in casa Marotta Basket erano, oltre che tanti, leciti e drammatici. Non che la squadra avesse più niente da chiedere alla classifica, tuttavia in ballo c’era la voglia di conservare l’imbattibilità stagionale, un record, a questo punto del campionato, del quale per scaramanzia nessuno parla, ma a cui tutti tengono. La partita del Marotta Basket dunque ha risentito fortemente di tutti questi fattori: da una parte la voglia di continuare a far bene, dall’altra la collaudata macchina da canestro per l’occasione purtroppo scoppiettante e a due cilindri. Il gioco degli ospiti infatti stenta a decollare ed è spesso confuso ed impreciso.

Ai fini pratici mancano soprattutto i punti pesanti dall’arco dei 6,75 che hanno fatto del Marotta Basket la squadra con l’attacco più prolifico del campionato. Dall’impasse in cui versano Poletti e compagni emergono su tutti due figure che, capaci sempre del lavoro sporco, si ergono questa volta a star e a capitani coraggiosi della barca in balia delle onde: in barba ai destabilizzanti postumi di un virus gastrointestinale il Sciarrini che non t’aspetti, Emanuele, disputa semplicemente una partita perfetta in quanto a diligenza e determinazione. Al giovane Galli invece il merito di aver creato più di uno scompiglio difensivo ai padroni di casa e soprattutto di aver portato la sua squadra ai supplementari grazie ad un canestro su tiro praticamente a fil di sirena: eroe per una notte.

Bees BKBall Project Pesaro - Marotta Basket 64-71 dts
(parziali: 10-16, 12-8, 18-14, 19-21, 5-12)

Bees BKBall Project Pesaro
: Binetti n.e., Filippini 5, Cardinali 2, Piermaria 2, Cricelli 11, Filippucci 20, Borelli 1, Guidi 13, Tontini 10. All. Giampaoli

Marotta Basket
: Poletti L. 2, Poletti I. M. n.e., Galli 7, Paolini 5, Bronzini, Vignoli 11, Sciarrini E. 13, Sciarrini A. 12, Bertolini 21, Venturi n.e..

Luca Nazionale - Ufficio Stampa Marotta Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: