Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: il Pisaurum Pesaro pronto a recitare un ruolo da protagonista, parla coach Surico

Anno zero. L'inizio di questa nuova stagione segna per il Pisaurum Pesaro il primo passo di un ciclo tutto nuovo. Dopo sette stagioni con coach Stefano Foglietti al comando, in estate la dirigenza pesarese ha deciso di voltare pagina affidando la guida tecnica a coach Maurizio Surico, reduce da una lunga esperienza con i "cugini" del Loreto Pesaro. Significativi anche i cambi nel roster che comunque anche quest'anno avrà tutte le carte in regola per disputare un campionato da protagonista. Conosciamo meglio la squadra pesarese proprio insieme al nuovo allenatore Maurizio Surico.

- Il campionato sta per inziare. Come arrivate a questo esordio?
"Abbiamo svolto davvero un'ottima preparazione e sono davvero soddisfatto di ciò. Abbiamo iniziato a lavorare lo scorso 21 Agosto, allenandoci sempre molto forte e con grande applicazione. Tutta la squadra, me compreso, non vede l'ora di esordire e di inziare questo campionato. Per noi inzia un nuovo corso, e siamo davvero molto carichi e motivati."

- Il roster a tua disposizione sembra davvero completo e competitivo. Sei soddisfatto del gruppo che avete costruito?
"Assolutamente sì, sono davvero molto contento circa la squadra che ho a disposizione. In estate sono andati via tre protagonisti della passata stagione come Giacomini, Ravaioli e Cecchini, ma siamo stati capaci di sostituirli nel migliore dei modi con giocatori del calibro di Gnaccarini, Denis Jovanovic e Gjinai. La squadra è completa in ogni ruolo e molto lunga, e questo sarà molto importante anche per allenarci sempre al massimo. L'unico rammarico è l'aver disputato solamente tre amichevoli in questa preseason, mentre avrei preferito organizzarne almeno altrettante."

- Nella prima giornata siete attesi dalla difficile trasferta sul campo di Falconara. Che partita ti aspetti?
"Ci troveremo una squadra molto competitiva, che abbiamo già affrontato in amichevole e che mi ha fatto una buona impressine. Possono contare su giocatori come Nardini, lo scorso anno a Riva del Garda, Chiorri, Catalani, Alessandroni e Righetti, e ci attende una partita molto rischiosa. Il loro quintetto è sicuramente tra i migliori del girone."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo?
"Inultile nascondersi, noi puntiamo a conquistare i playoff, che per noi rappresentano l'obiettivo minimo. Abbiamo tutte le carte in regola per disputare un campionato importante ed ambizioso."

- Quali pensi possano essere le vostre principali avversarie?
"Io credo che ci attende un campionato molto difficile ed equilibrato. La classifica sarà molto corta, e sarà necessario prestare la massima attenzione ad ogni avversaria che incontreremo. Il Campetto Ancona è la favorita numero uno, ma dietro di lei ci sono diverse ottime squadre pronte a fare bene. Su tutte vedo il Fossombrone, che ha costruito una squadra molto forte, poi la Sutor Montegranaro, che può contare anche su tanto entusiasmo e su ambiente molto carico. Non sottovaluterei neanche il Matelica che penso potrà recitare un ruolo importante."

- Se dovessi indicare una possibile sorpresa chi ti viene in mente?
"Credo che una squadra che potrebbe sorprendere sia il Bramante Pesaro. Un gruppo composto da tanti giocatori interessanti e con grandi potenzialità, ed un nucleo di giocatori esperti che conoscono molto bene questa categoria. Hanno un modo di giocare che può dare fastidio a tante squadre, ma soprattutto hanno margini di miglioramento davvero importanti."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: