Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: intervista a Roberto Tortolini "Sono pronto e carico per questa nuova avventura"

A 49 anni compiti da quasi due mesi continua a macinare ore ed ore di allenamento al giorno, con l'entusiamo e la determinazione di un ragazzino pronto ad essere ancora protagonista ogni fine settimana in campo. Per Roberto Tortolini sta per aprirsi l'ennesimo capitolo della sua lunga carriera. In estate infatti si è interrotto, quasi a sorpresa, il legame che lo legava alla Virtus Porto San Giorgio, la sua squadra nelle ultime cinque stagioni, e Roberto è approdato tra le fila del Basket Fermo che si appresta ad iniziare la sua seconda stagione in Serie D Regionale.

- Allora Roberto sei pronto per l'inizio di questa nuova avventura?
"Assolutamente sì, mi sono allenato forte in estate e sono pronto ad iniziare questa nuova avventura. Ogni nuova esperienza ha il suo fascino e porta la sua buona dose di adrenalina ed aspettative. Sono pronto ad iniziare questo campionato con tutto l'entusiasmo possibile."

- In estate ha un pò sorpreso la tua separazione da Porto San Giorgio. Puoi dirci come è andata?
"La società ha scelto di intraprendere un nuovo progetto dando il massimo spazio possibile ai ragazzi locali. inizialmente mi era stato proposto di rimanere per fare da chioccia e da guida a questo nuovo gruppo, ma dopo qualche settimana qualcosa è cambiato e sono state fatte altre scelte. Mi è dispiaciuto tanto interrompere il rapporto con Porto San Giorgio, anche perchè in questi ultimi anni ho dato tutto ciò che potevo alla causa, per cui mi sarebbe piaciuto continuare a giocare con la maglia Virtus."

- Come mai hai scelto di andare al Basket Fermo?
"Mi hanno cercato anche altre squadre, il Basket Fermo mi ha presentato il suo progetto e la cosa mi è piaciuta. Trovare l'accordo è stato facilissimo. La società è seria, ci sono molte persone coinvolte che lavorano alla crescita in ogni aspetto, e c'è tanto entusiasmo. Penso ci siano tutti i presupposti per poter far bene."

- Quale pensi sia il valore del campionato?
"Da quello che ho potuto vedere in precampionato e per quello che posso conoscere giocatori ed allenatori, penso che il livello medio del campionato che sta per partire sia davvero molto buono. Penso che sarà un torneo molto competitivo e divertente."

- E quale può essere il vostro obiettivo?
"Noi siamo una squadra sicuramente buona, e penso che scopriremo solo strada facendo quello che può essere il nostro reale valore. Anche perchè non va sottovalutato il fatto che in estate la squadra è stata profondamente rinnovata, sono arrivati diversi giocatori nuovi, per cui avremo bisogno di un pò di tempo per trovare l'intesa migliore tra di noi."

- C'è qualcuno tra i tuoi compagni più giovani che pensi possa fare bene e magari stupire?
"Non mi piace fare nomi, ma ci sono alcuni ragazzi che non conoscevo prima, che hanno tutte le possibilità per fare un buon campionato. La cosa importante è che si allenano tutti molto forte ed hanno voglia di crescere e migliorare. Sono sicuro che se continueranno ad applicarsi così potranno dire la loro durante il campionato.

- Inevitabile un pensiero all'ultimo Europeo disputato dalla nostra nazionale. Qual'è il tuo giudizio sul percorso fatto dagli azzurri?
"La perdita di Gallinari ha sicuramente pesato tanto. Io credo che sia stato fatto ciò che era nelle possibilità dei ragazzi, più di quello era difficile fare. Purtroppo paghiamo tantissimo la mancanza di lunghi di livello e questo ci porta ad avere un gioco troppo perimetrale. E nelle serate con basse percentuali al tiro purtroppo fai molta fatica, come poi è successo contro Lituania, Germania e Serbia ad esempio."

- Per chiudere, per quanto tempo ti vedremo ancora in campo?
"Finchè il fisico mi da la possibilità di allenarmi come sto facendo, e finchè l'entusiamo e la voglia è quella che ho non vedo motivi per appendere le scarpe al chiodo. Mi piace molto stare in questo ambiente ed avere a che fare con i ragazzi più giovani, per cui per adesso non ci penso a fermarmi. E poi come obiettivo mi sono posto quello di smettere dopo Maurizio Venturi (ride ndr), che quest'anno giocherà con i Titans Jesi e magari ci incontreremo nei playoff."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: