Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: quattro chiacchiere con Vincenzo Romano, allenatore della Sambenedettese Basket

Andiamo alla scoperta della Sambenedettese Basket una delle novità della nuova Serie C Silver. E lo facciamo insieme a coach Vincenzo Romano, allenatore della squadra rossoblu.

- Allora coach iniziamo dalla partita che avete giocato ad Urbania Domenica scorsa, nella quale è arrivata la seconda sconfitta di questo inizio stagione.
"Abbiamo giocato contro uno delle migliori squadre di questo campionato, un gruppo che gioca insieme da tanto tempo e che è molto più avanti di noi. Per quello che ci riguarda siamo ancora un pò indietro e dobbiamo lavorare tanto per trovare il giusto affiatamento ed equilibrio. Abbiamo ampi margini di miglioramento ma dovremo lavorare davvero duramente."

- Pensavi di poter partire meglio o ti aspettavi delle difficoltà nelle prime partite?
"Sinceramente sapevo che avremmo fatto fatica all'inizio. La nostra squadra è stata costruita un pò in ritardo, basti pensare che Kibildis è arrivato solamente due settimane prima dell'inizio del campionato ed Angellotti proprio negli ultimi giorni di Settembre. La squadra si allena bene, con determinazione e convinzione, e sono convinto che cresceremo settimana dopo settimana. Sapevamo che per noi sarebbe stato un campionato difficile, ma siamo pronti ad affrontarlo con il massimo entusiasmo."

- Fino ad ora avete avuto molto da Kibildis e Roncarolo, che sono i vostri giocatori di punta. Ti aspetti che dietro di loro possa venir fuori qualcuno dei vostri giovani e diventare importante?

"Noi abbiamo bisogno della crescita di tutti i ragazzi, ognuno di loro ha le capacità e le potenzialità per ritagliarsi un ruolo importante. Kibildis e Roncarolo sono due giocatori che potrebbero disputare tranquillamente un campionato di almeno una categoria superiore, ma per fare bene è necessario che ogni giocatore sia responsabilizzato e dia il proprio contributo."

- Raccontaci come è nato l'acquisto del lituano Kibildis. Un giocatore sconosciuto dalle nostre parti ma che probabilmente sarà uno dei migliori marcatori del campionato.
"Avevamo l'intenzione di prendere un giocatore da fuori Italia, e durante l'estate abbiamo visionato tantissimi video. Oltre tutto quando si è sparsa la voce che avevamo le possibilità per prendere un giocatore straniero ce ne sono stati proposti tantissimi. Alla fine la nostra scelta è caduta su Darius, che ha già dimostrato di essere un buon giocatore, ma soprattutto si sta dimostrando un ottimo professionista ed una persona dal grande spessore umano. Siamo molto soddisfatti della nostra scelta."

- Il vostro roster è al completo oppure avete in serbo qualche altro colpo?
"Io sono assolutamente soddisfatto della squadra che ho a disposizione, perciò mi sento di dire che il gruppo è al completo. Il mio principale obiettivo è quello di mettere tutti nelle condizioni per rendere al 100%. La maggior parte dei ragazzi deve prendere coscienza del campionato che stiamo affrontando, in quanto per molti è la prima volta che giocano in Serie C, considerato che è un livello completamente diverso dalla Serie D. Continuando a lavorare come stiamo facendo sono sicuro che ci toglieremo delle soddisfazioni."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo?
"Il nostro principale obiettivo deve essere quello di conquistare la salvezza. Non dimentichiamoci che la squadra è la stessa che ha fatto la Serie D lo scorso anno, più gli innesti di Perini, Kibildis e di un giovanissimo come Angellotti. Siamo una squadra giovane e abbiamo innanzi tutto l'ambizione di far crescere i nostri ragazzi. Per cui penso che che dobbiamo avere come obiettivo quello di fare un buon campionato e conquistare la salvezza il prima possibile."

- Come giudichi questo campionato? Quali sono le squadre più attrezzate?
"Il campionato è sicuramente di ottimo livello, con tante buone squadre costruite molto bene in estate. Penso che il Campetto Ancona e la Sutor Montegranaro siano quelle che hanno qualcosa in più rispetto alle altre. Ci sono molte buone squadre, di tradizione ed esperienza, che renderanno il campionato molto bello.

- Dopo qualche stagione difficile il basket a San Benedetto sta riacquistando popolarità ed entusiasmo, segnale che la società sta lavorando davvero bene.
"Lo scorso anno c'è stato un profondo rinnovamento societario, e tutti stanno lavorando davvero tanto e bene. Personalmente ho vissuto le stagioni in cui San benedetto arrivo in Serie B2 ed addirittura disputò la finale per salire in B1. I tempi ora sono completamente diversi, ma la società sta gettando le basi per costruire qualcosa di stabile e duraturo nel tempo. I tifosi hanno già iniziato a rispondere riempendo le tribune del palazzetto in occasione delle gare interne. Anche il settore giovanile sta crescendo tantissimo, tanto che quest'anno parteciperemo a tutti i campionati possibili."

Giuseppe Contigiani


Social

© Riproduzione riservata