Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A2: niente da fare per la Poderosa Montegranaro a Trieste, gialloblu fuori dalla Coppa Italia

Serviva un’impresa e purtroppo non è arrivata. Ma è una XL EXTRALIGHT® a testa alta quella che esce sconfitta dal PalaRubini Alma Arena contro la capolista Alma Trieste e fallisce al fotofinish l’accesso alle finali di Coppa Italia.

Serviva una vittoria ma poteva bastare anche una sconfitta in caso Ravenna perdesse a domicilio contro Jesi. Ed invece il rovescio della Termoforgia mette l’ultimo chiodo sulle speranze della Poderosa, che, chiudendo uno strepitoso girone di andata al terzo posto a pari merito con Udine e Ravenna, scivola fino al quinto posto penalizzata dalla classifica avulsa.
Peccato per i gialloblu, pur con Campogrande (rimpiazzato nel quintetto iniziale da Gueye) e Powell in non perfette condizioni, erano sembrati poter stare sul pezzo fino in fondo, ribattendo colpo su colpo per tutto il primo tempo.

Sono Amoroso e Corbett a far uscire meglio dai blocchi la squadra veregrense (2-7 al 3’), anche perché Trieste spreca tanto in attacco contro la difesa appiccicosa ordinata da coach Ceccarelli. La XL EXTRALIGHT®. A loro volta, però, i gialloblu faticano a prendere ritmo in attacco, aggrappandosi ai “tre tenori” Amoroso-Corbett-Powell (loro 33 dei 35 punti segnati nel primo tempo) per tenersi in scia ad una Alma che trova energie preziose dalla panchina dai “gregari” Prandin e Cittadini.

La musica cambia al rientro dagli spogliatoi. I 6000 del palas triestino alzano il volume e con essi tutta la Alma, che rompe gli argini con i guizzi di Cavaliero e Green e decolla ben oltre la doppia cifra di vantaggio. Coach Ceccarelli le prova tutte, mescola i quintetti, cambia le difese ma lentamente la Poderosa sprofonda, toccando il -20 a 5’ dalla sirena (77-57 con canestro nell’area di Bowers). Trieste forse pensa di averla già vinta e mentre da Ravenna giunge la notizia della vittoria della OraSì la Poderosa si rifiuta di abbandonare le ultime chance senza lottare.

Un’improvvisa scarica dall’arco, dopo una serata a litigare coi ferri dalla lunga distanza, riaccende le speranze dei gialloblu, che sono addirittura a -6 quando Treier colpisce dall’arco per il 79-73 con 45” da giocare. Lo strepitoso Cavaliero di serata fa 1/2 in lunetta a 35” dalla fine e lascia ancora una flebilissima speranza ad Amoroso e compagni, ma con Maspero a fallire la tripla impossibile per il -4 il sipario cala definitivamente tanto sulla partita quanto sulle chance di Coppa Italia.

La XL EXTRALIGHT® chiude un girone di andata oltre ogni più rosea aspettativa con un bilancio da 10 vittorie e 5 sconfitte. E l’amarezza per una Coppa Italia sfuggita per gli scontri diretti non può cancellare una prima metà di stagione da ricordare per molto tempo.
Queste le parole di coach Ceccarelli a fine partita in sala stampa: “Mi vengono in mente due parole. La prima è: bravi. Bravi a Trieste che ha costruito una squadra super, che gioca una bella pallacanestro in attacco ma che difende anche, che ruota tutti i suoi uomini e cui auguro le migliori fortune perché è costruita con un senso ed è piacevole guardarla giocare.

Ma brava anche la società che ha ricostruito una grandissima situazione a tutto tondo, è stato un grande onore giocare qui. Ma bravi anche ai miei ragazzi che hanno dato una partita a questo splendido pubblico. Bravi perché se Trieste nel finale deve rimettere i titolari non dico per vincere la partita ma perché comunque si era capito che noi non mollavamo e solo un paio di invenzioni di Cavaliero danno la spinta decisiva per noi ci deve essere solo la seconda parola della quale parlavo all’inizio: ossia orgoglio. Io sono orgoglioso di questi ragazzi, abbiamo fatto una bella partita ma per vincere qui serve qualcosa in più. Abbiamo avuto percentuali simili dal campo simili e forzato a 17 palle perse una squadra come Trieste.

A parte un passaggio a vuoto nel terzo quarto nel quale si è visto che ci mancava dell’energia, non posso che rinnovare i complimenti ai miei ragazzi per questa prima metà di stagione nella quale chiudiamo con 10 vittorie restando fuori dalla Coppa Italia, che non era un nostro obiettivo a inizio stagione, per gli scontri diretti. Ci sarebbe piaciuto andare a Jesi a giocarla la Coppa Italia, ci andremo a guardarla, ma da martedì pensiamo alla seconda metà di questo campionato, che dovrà essere altrettanto bella per provare a dare una grande gioia ai nostri tifosi”.

ALMA TRIESTE - XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO 81-73

TRIESTE
: Fernandez 8, Green 10, Babich ne, Baldasso 11, Deangeli ne, Janelidze 2, Prandin 8, Cavaliero 19, Da Ros 6, Bowers 13, Loschi, Cittadini 4. All.: Dalmasson.

MONTEGRANARO
: Angellotti ne, Rivali 2. Campogrande 5, Maspero 3, Treier 5, Zucca, Corbett 16, Amoroso 18, Powell 23, Altavilla, Gueye 1. All.: Ceccarelli.

PARZIALI
: 18-18, 22-17, 22-14, 18-24.

Ufficio stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: