Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Evento Sport e Salute: intervista a Flavio Tranquillo con uno sguardo ai playoff NBA ed alla Serie A

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/13-04-2018/evento-sport-e-salute-intervista-a-flavio-tranquillo-con-uno-sguardo-ai-playoff-nba-ed-alla-serie-a-270.jpg

Social

Al Teatro delle Muse di Ancona due big del basket: Flavio Tranquillo e Cesare Pancotto, nella serata "Sport e Salute", condotta da giornalista Maurizio Socci di ÉTv Marche.

Special guest della serata Flavio Tranquillo: cresciuto a pane e palla a spicchi, é oggi la voce più nota delle cronache di basket, forse quello che nel mondo del giornalismo cestistico é arrivato più distante di tutti.

Tranquillo, avrei il mondo da chiederle... ma cambiamo subito continente. Un pronostico sull'imminente fase playoff dell'NBA.
"Tutti credono che con i playoff si riparta da zero. In realtà non si riparte da zero. Giocano 82 partite e quelle 82 partite hanno un senso su quello che succede dopo. Mi sembra che quest'anno la situazione sia più fluida rispetto agli scorsi anni. C'è anche la questione infortuni, non solo quello di Curry... poi c'è Houston che é molto più matura... ho idea che qualcosa possa succedere. Se quest'anno Golden State e Cleveland dovessero uscire alla quarta gara non mi stupirei più di tanto, però credo che ci sia la possibilità che questo non succeda."

Un altro pronostico, ma stavolta sulla nostra pallacanestro di serie A.
"La serie A italiana sta sempre sulle ginocchia di Milano. É Milano che decide, é talmente più attrezzata degli altri. É più una questione di riuscire a tradurre in pratica, anche se non al 100%. Se lo fa arriva un livello a cui gli altri non possono competere. É successo in passato che non sia arrivata neanche a quel livello minimo. Ci arriverà o non ci arriverà? Secondo me sí."

Nicoletta Canapa

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: