Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: mercato Fochi Pollenza, da Macerata arriva Andrea Kasperskyy

La brezza estiva ed esuberante che sta carezzando l’ASD Fochi Pollenza ha portato con sé nuove di rilievo, alcune delle quali già ufficialmente annunciate nelle scorse settimane. Quest’oggi, il collettivo societario si consolida con l’approdo in panchina, in veste di vice-allenatore, di Andrea Kasperskyy, classe ’89, sangue ucraino. Il suo debutto nel mondo della pallacanestro arriva sostanzialmente tardi, all’età di 15 anni. Il ragazzo si forma nel circuito dell’ABM Macerata, dove esordisce in Under 16. L’eccezionale prestanza fisica di Andrea, 1,94 m per circa 100 kg, e la sua naturale predisposizione per la palla a spicchi gli valgono un posto in prima squadra. I suoi primi quattro anni in serie C2 si chiudono con la vittoria di un campionato e la conseguente promozione dell’ABM Macerata in C1.

Dopo un anno di militanza nella serie maggiore, arriva la retrocessione in D e il successivo trasferimento di Andrea al CUS Macerata. Trascorrerà un altro anno prima dell’esordio di una nuova avventura, questa relativamente breve, presso “Il ponte Morrovalle” in serie D. L’anno seguente, il ragazzo decide di rientrare alla casa base, con l’obiettivo di sostenere l’ABM Macerata nel tentativo di “reconquista” della serie D per i tre anni successivi.
Analizzando le diverse fasi della carriera cestistica di Andrea, è possibile rilevare una certa discontinuità, determinata da gravi infortuni e dalle quattro operazioni conseguenti. Probabilmente è proprio questa la ragione che lo ha spinto, nel frattempo, a prendere parte ai corsi di formazione per allenatori: la prospettiva di un futuro alla guida di una squadra di pallacanestro si è rivelata una motivazione allettante nella conquista del brevetto di “allenatore di base”.

Ora Andrea ha la sua grande occasione. Una scelta, quella dell’ASD Fochi Pollenza, dettata dalla forte amicizia che lo lega al neo-coach Nicolò Luciani e a gran parte dei membri del nostro collettivo. Altro fattore determinante la chiara volontà da parte della dirigenza di rivoluzionare l’ambiente, di gettare le fondamenta per un progetto di crescita e maturazione societaria mirato e consapevole. Le porte dell’inferno ti hanno accolto Andrea. Abbraccia le fiamme e lasciati travolgere dal clima rovente: non opporti, il fuoco primigenio è già in circolo nelle tue vene.

Giacomo Gardini
Social Media Manager – ASD Fochi Pollenza

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: