Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Wispone Taurus Jesi, coach Filippetti ''I playoff sono il giusto premio per quanto fatto dai ragazzi''

Grande soddisfazione in casa Wispone Taurus Jesi dopo la conquista dei playoff. Un ottimo risultato per la società jesina nella sua stagione d'esordio nel campionato di Serie C Silver. Ne parliamo con il coach Paolo Filippetti.

- Buongiorno Coach con la vittoria contro Umbertide vi siete guadagnati l'accesso ai prossimi playoff. Scommessa vinta?

"Si, stravinta direi. Alla viglia nessuno ci avrebbe scommesso. Squadra giovanissima, con poca stazza, pochi centimetrii e con tanti giocatori alla prima esperienza in questa categoria. Ma siamo stati bravi a far sì che l'entusiasmo e la voglia di giocarcela
con tutti, la motivazione di provarci sempre, contro chiunque, sia stata spesso più forte degli avversari in campo."

- Durante l'anno ci sono stati anche tanti infortuni pesanti che hanno inevitabilmente pesato sul vostro cammino.

"Purtroppo sì, siamo stati vittime, e tutt'ora lo siamo di diversi problemi fisici. Abbiamo giocato metà campionato senza Bartolucci, da un mese siamo senza Battagli e durante l'anno abbiamo dovuto combattere varie assenze che hanno pesato in partite ed allenamenti. La forza di questi ragazzi è stata quella di reagire, invece di piangersi addosso e avere alibi pronti, hanno lavorato a testa bassa e grazie a questo, abbiamo raccolto questo bellissimo risultato."

- Qual'è stata la partita chiave della vostra stagione?

"Direi a quella che abbiamo giocato a San Marino.
Alla fine è anche risultata decisiva per entrare ai playoff, ma direi che è stata la partita che ci ha fatto capire che stavamo prendendo la via giusta. Andavamo a giocare contro la squadra che ci aveva umiliato in casa nostra dandoci 40 punti e siamo stati capaci di andare lì da loro con una voglia di vincere impressionante, che ci siamo portati fino alla fine, e che ci ha permesso di portare a casa due punti che si sono rivelati decisivi.

- Vi siete tolti una gran bella soddisfazione. Ed ora?

"Ed ora andremo ad affrontare Vasto, squadra che ha dominato il proprio girone e che ha tutto per vincere. Un roster che è stato costruita per arrivare fino in fondo. Affronteremo con assoluta leggerezza questa serie, andando a misurare le nostre capacità. Un onore per la nostra squadra al primo anno di serie C, affrontare una squadra blasonata che gioca davanti a tanta gente nel proprio campo, con giocatori e staff tecnico di assoluto livello. Per i nostri ragazzi un ulteriore vetrina e un altra possibilità di crescita."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: