Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Teramo, coach Stirpe ''Contro la Sutor abbiamo ampiamente meritato la vittoria''

Due punti in più in classifica e un bilancio fra vittorie e sconfitte che torna in parità. La Rennova Teramo batte 86-73 la Sutor Montegranaro e si mette alle spalle l’amarezza generata dalle sconfitte consecutive contro Fabriano e Giulianova. E lo fa con grinta e intensità, conquistando un successo che permette ai biancorossi di chiudere il 2020 con il sorriso: “A differenza delle prime tre gare di campionato – commenta sul match coach Simone Stirpe – siamo entrati sin dalla palla a due più carichi e decisi. Abbiamo subito trovato dei canestri che ci hanno dato fiducia mentre le altre volte abbiamo trovato difficoltà ad entrare subito in gara. Non mi è piaciuto concedere agli avversari 42 punti nella prima metà di partita, dato che particolarmente in casa nostra non si può accettare. Sono stati bravi però i ragazzi dall’intervallo in poi a cambiare marcia, correggendo gli errori commessi, unendosi sempre più e tornando a seguire il piano gara. Tutti hanno dato il proprio contributo, nessuno escluso, e i ragazzi hanno ampiamente meritato la vittoria”.

Giusto parlare di squadra dopo un match che ha visto 5 uomini andare in doppia cifra, anche se la prestazione eccezionale da 22 punti, 13 rimbalzi e 37 di valutazione complessiva messa in archivio da Tiberti mette paradossalmente in ombra altre performances che balzano all’occhio. Come quelle di Di Bonaventura (18 punti, 9 rimbalzi e 8 assist), di Esposito (11 punti e 7 rimbalzi) e di Rossi (17 punti, di cui 15 messi a segno nei primi due quarti). Coach Stirpe preferisce comunque evitare di esaltare i singoli: “La forza della nostra squadra deve essere il gruppo. Abbiamo tanti giocatori buoni, offensivamente importanti, ma ognuno deve portare sempre un mattoncino per costruire un percorso di crescita. La nostra è una squadra che deve giocare duro e sempre unita”.

In chiusura l’allenatore della Teramo a Spicchi ha una dedica speciale per la vittoria: “Avevamo di certo una ragione in più per vincere la gara contro Montegranaro, un successo che dedichiamo con tutto il cuore a Remo Noli, un altro ragazzo di Teramo, grande appassionato di basket, che purtroppo ci ha lasciati prematuramente. Il nostro pensiero va quindi ai suoi genitori che ci hanno sempre seguito con affetto”.

Rennova Teramo: Serroni (c) 12, Gatti ne, Wiltshire ne, Faragalli F. 4, Guilavogui 2, Faragalli C., Rossi 17, Massotti, Esposito 11, Tiberti 22, Di Febo ne, Di Bonaventura 18. All. Simone Stirpe, ass. all. Massimo Gramenzi, ass. all. Angelo Vitelli.

Sutor Montegranaro: Edraoui ne, Minoli 6, Riva 6, Angellotti, Gallizzi 17, Stanzani 3, Tibs 10, Cipriani 7, Romanò 3, Bonfiglio 21. All. Marco Ciarpella, ass. all. Nicola Scalabroni.

Parziali: 26-23; 37-42; 59-55; 86-73

Paolo Marini
Resp. Area Comunicazione Teramo a Spicchi 2K20
 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: