Janus Fabriano, Lorenzo Governatori ''Servizi ai tifosi e campagna abbonamenti sono la nostra priorità''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/02-08-2021/janus-lorenzo-governatori-navette-partite-campagna-abbonamenti-tifosi-sono-nostra-priorit-600.jpg

Social

Ciao Lorenzo, pochi giorni fa è uscita ufficialmente la riconferma del tuo ruolo come direttore marketing della Janus anche per il prossimo campionato di serie A2 OldWildWest: quanto è stato facile dire di “si”?
“Grazie Giuseppe anzitutto per avermi dedicato questo spazio. Direi sicuramente che è stata una cosa che abbiamo cercato entrambi, io e la dirigenza. Gli impegni sono sempre molti e sempre maggiori, ma il risultato che abbiamo conseguito sul campo - e direi anche fuori - negli ultimi mesi ripaga sicuramente tutti gli sforzi sfatti. Ringrazio di cuore il direttivo e specialmente le figure di Paolo Fantini e Gianluca Merloni (rispettivamente general manager e membro del CDA, ndr) per aver creduto in me, ora come un anno fa quando mi dimisi da direttore generale della Sutor”.

Sono cambiati alcuni componenti per un rinnovato staff marketing e comunicazione che punta a migliorare il livello già alto dello scorso anno…
“Si, c’è stato qualche piccolo cambiamento e l’innesto di alcune nuove figure. La società sotto questo punto di vista ha fatto uno sforzo importante per cercare di dare continuità al lavoro fatto, segnale che certifica l’attenzione verso questi importantissimi aspetti che non riguardano il campo e che spesso vengono sottovalutati. Ne approfitto a tal proposito per ringraziare di nuovo Giacomo (Marini ex responsabile stampa, ndr) per la passione e per tutto quello che ha fatto per noi, e do il benvenuto ai “nuovi”: Ferruccio Cocco nuovo responsabile stampa, Walter Rocchi che comporrà il team stampa, Luca Ciappelloni in telecronaca e Jacopo Pirro come nuovo social media manager. A dir la verità comunque, per rispondere alla tua domanda, cerchiamo sempre di migliorarci. La precedente stagione ci ha visti sicuramente come punto di riferimento per le tante attività e per – permettetemi la poca modestia – la qualità dei contenuti e dei servizi, prodotti grazie all’instancabile lavoro fra gli altri anche del fotografo Teatini e del videomaker Filipponi (entrambi confermati). Siamo stati la squadra più seguita in tutta la serie B su LNP Pass sia durante la regular season che ai playoff, abbiamo registrato dei numeri sui social decisamente importanti, abbiamo lanciato diversi progetti dedicati al sociale o ai nostri tifosi (la birra ufficiale ne è un esempio), e così via. Quest’anno chiaramente la serie A2 richiede una attenzione particolare, ma siamo già a lavoro praticamente dal giorno dopo della festa (in senso letterale) per programmare e continuare a dare la giusta visibilità e importanza ad un brand come la Janus”.

L’anno prossimo è ufficiale Osimo: come incide una scelta del genere nella strategia di una squadra?
“Purtroppo Osimo non è stata una scelta “libera” della società ma chiaramente “imposta” dal fatto che il PalaGuerrieri da diversi mesi è inagibile. Il PalaCarifac di Cerreto d’Esi come sapete non è in grado di ospitare una serie A2 e pertanto la scelta di emigrare è divenuta obbligatoria nel momento della conquista della seconda serie nazionale. Dal mio punto di vista posso dire che ad Osimo abbiamo trovato grandissima disponibilità e di questo li ringrazio. Questo venerdì ho appuntamento con il sindaco, e settimana scorsa siamo già stati al palazzetto con il neo direttore generale Paoletti per studiare gli spazi e le attività da fare: vi posso assicurare che il palas è un gioiello che garantisce ogni confort ai tifosi. Proprio per questo punteremo molto sui servizi e cercheremo di coinvolgere sia gli appassionati locali, sia chiaramente quelli di Fabriano che per noi sono la priorità. Abbiamo chiesto al comune di Fabriano di poterci garantire delle navette per ogni partita casalinga per aiutare l’esodo del popolo biancoblu che è stato fortemente danneggiato da questa inagibilità, ma ci è stato risposto che “al momento è di difficile realizzazione”; torneremo sicuramente sull’argomento a settembre, in quanto mi sembra il minimo che si possa fare vista la situazione che si è creata“.

L’ultima domanda riguarda proprio questo aspetto del PalaBaldinelli: farete la campagna abbonamenti?
“Abbiamo già predisposto tutto e stiamo ultimando la realizzazione della parte grafica e video della campagna. Ci siamo presi ancora un mese di tempo circa per continuare a monitorare la situazione contagi e decidere di conseguenza se farla o meno, ma tutto per ora ci fa pensare che proveremo a farla partire, anche per non creare quella caccia al biglietto ogni domenica che già in passato ha causato qualche problema ed un normale malcontento del pubblico quando giocavamo a Cerreto D’Esi. Sicuramente come società puntiamo almeno ad avere una capienza del 50% con green pass obbligatorio, e ci batteremo anche noi per garantire almeno questo numero nelle zone dove i contagi non siano chiaramente da fascia rossa. In ogni caso, i prezzi saranno “popolari” ed in gran parte dei settori (tranne quelli VIP chiaramente) non ci sarà alcun rialzo rispetto a quanto accadeva in serie B. Un’altra piccola attenzione per cercare di tutelare la risorsa più importante che abbiamo come società: i tifosi…che per almeno 12 mesi dovranno farsi 40 minuti di auto per sostenere la propria squadra del cuore. Il minimo che possiamo fare allora è metterli nella condizione migliore per farlo. A tutti coloro che vorranno sostenerci va il mio più grande ringraziamento, e sono certo che in moltissimi ci seguiranno per continuare questa “storia di un #AmoreInfinito” che dopo 13 anni rivedrà Fabriano nel palcoscenico che merita!”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!