La Chieti Basket 1974 ferma la capolista Ruvo di Puglia dopo 2 supplementari

Una superlativa Lux, dopo due supplementari, ha la meglio sulla prima della classe Ruvo (96-94). Prestazione eccellente da parte di tutti gli effettivi, con Lips che sfiora la tripla doppia (19 punti, 18 rimbalzi e 9 assist in 48 minuti di utilizzo). Agli ospiti, mai domi, non bastano i 28 punti di Traini. Ruvo parte subito aggressiva con la bomba di Jackson, risponde Berra dalla stessa mattonella (3-3 dopo un minuto e mezzo di gioco). La Lux perde lo stesso Berra per infortunio, Galmarini realizza splendidamente imbeccato dopo un pick’n roll, Ciribeni dalla lunetta fa 1/2 (4-5 dopo tre minuti di gara). Jackson è una sentenza dalla lunga distanza ma capitan Maggio colpisce dall’angolo: a 04:30 dal termine della prima frazione, il parziale è di 7-8.

Galmarini ed il solito Jackson portano Ruvo sul massimo vantaggio, con l’atleta dal passaporto maltese che tocca la doppia cifra (11 punti) dopo poco meno di 7 minuti di gara (7-15): coach Aniello chiama timeout. Obinna prova ad accorciare ma Ruvo va a segno dalla media con Galmarini (9-17): a 9 secondi dal termine, coach Campanella chiama timeout per organizzare l’ultimo possesso offensivo degli ospiti. La tripla di Traini non incontra i favori degli dei del basket e così, al decimo, il tabellone recita 9-17. La Lux prova ad accorciare con l’1/2 dalla lunetta di Obinna ed il canestro da sotto di Paesano ma Traini non è dello stesso avviso e, con una bomba siderale, riporta ad 8 i punti di differenza dopo un minuto e mezzo di gara (12-20).

I biancorossi pigiano sull’acceleratore e, nonostante il tap-in di Toniato, con i cm di Paesano e le bombe di Reale e capitan Maggio, costringono coach Campanella al timeout dopo poco meno di quattro minuti di quarto (20-22). La reazione di Ruvo è veemente con due canestri in transizione di Traini ma la Lux, con la bomba di Paesano ed il 2+1 di Lips, impatta sul 26-26 al giro di boa del secondo quarto. Traini è un uomo in missione (13 punti in altrettanti minuti sul parquet) e, con altre e due triple condite da un assist per Galmarini, obbliga coach Aniello al minuto di sospensione (26-34 a 03:04 dalla pausa lunga).

Galmarini, Traini e Jackson continuano a fare la voce grossa in fase di possesso palla, capitan Maggio si carica sulle spalle il peso offensivo dei suoi: al ventesimo, il parziale è di 31-41. Galmarini realizza da sotto, Paesano risponde: dopo un minuto di quarto, si va sul 33-43. Galmarini approfitta della gita in lunetta dopo l’antisportivo fischiato a Ciribeni ma è lo stesso esterno biancorossi a realizzare in penetrazione per riportare Chieti sul meno 10 dopo due minuti e mezzo di quarto (35-45). Ruvo prova a scappare con i liberi di Leggio e Ghersetti, Cena prova a metterci una pezza dalla linea della carità (37-48 dopo poco più di 3 minuti di quarto). La gara prosegue con Ruvo che prova a tenere la doppia cifra di vantaggio e la Lux che, con Lips e Ciribeni, si riporta sul -8 a 03:15 dall’ultimo mini break, con coach Campanella che chiama minuto (46-54).

Jackson è bravo a realizzare dopo un taglio ma Lips e Reale riportano i biancorossi ad un possesso pieno di svantaggio a 01:52 da fine periodo (53-56). Chieti abbassa la saracinesca in fase di non possesso palla e, con il 2/3 di Lips dalla linea della carità, si riporta sul -1 al trentesimo (55-56). Leggio è bravo a realizzare dopo aver raccolto un rimbalzo dalla spazzatura, Traini va a segno da casa sua e così, dopo due minuti e mezzo di quarto, Ruvo si porta sul +6 (55-61). Paesano va a canestro con un 2+1 ma due penetrazioni mortifere di Toniato e Leggio spingono coach Aniello al timeout a poco più di 6 minuti dal termine della contesa (58-65). La Lux non molla e, con Reale e Paesano, si riporta al giro di boa ad un possesso pieno di svantaggio (62-65).

Ruvo alza la voce e, con una penetrazione di Traini ed un canestro da sotto di Galmarini, si riporta sul +7, con coach Aniello che chiama timeout a 03:17 dal termine (62-69). Il cuore della Lux è però enorme: Paesano realizza da sotto, Lips approfitta di un antisportivo (e quinto fallo) di Leggio: a 45 secondi dal termine, il parziale è di 68-69. Jackson è glaciale dalla lunetta ma Lips, dopo aver subito fallo sul tiro dalla mattonella pesante, realizza con un vitale 3/3 (71-71 a 4 secondi dal termine della contesa). Coach Campanella nel timeout organizza un tiro da oltre l’arco per Jackson ma il tiro si infrange sul ferro: al PalaTricalle sarà overtime (71-71). Eliantonio è lucido da oltre l’arco, Jackson realizza dalla media ma Obinna rimette Chieti in scia con un 2+1 dopo poco più di un minuto di overtime (74-76).

La Lux è brava a giocare sotto le plance e con il 2+1 di Obinna e i liberi di Ciribeni si porta sul massimo vantaggio a 01:55 dal termine (79-76). Traini tira fuori il coniglio dal cilindro in penetrazione ma una bomba di Ciribeni porta Chieti sul +4 a 01:03 da fine gara (82-78). Eliantonio è freddo a cronometro fermo, Jackson dalla mattonella pesante rimette avanti i suoi, con coach Aniello che chiama timeout a 19 secondi dal termine (82-83). La gara non sembra voler avere un padrone: Lips a 3 secondi dal termine fa 1/2. Ci sarà così bisogno di un ulteriore supplementare (83-83). Il secondo overtime ha un ritmo folle. Traini risponde alla tripla di Maggio, così come Ghersetti da sotto impatta dopo il canestro di Reale: dopo un minuto, il punteggio è di 88-88. Paesano va a segno da sotto, Ghersetti risponde dalla lunetta: a 2 minuti dal termine, il parziale è di 90-90.

Jackson realizza in penetrazione, Maggio approfitta del quinto fallo di Ghersetti e del tecnico alla panchina di Ruvo: a 40 secondi dal termine, Chieti conduce 93-92. Jackson subisce fallo ed è freddo dalla lunetta: a 23 secondi da fine gara, coach Aniello chiama timeout (93-94). La Lux non molla e, dopo una splendida azione offensiva, va a segno con la bomba di Reale: questa volta è coach Campanella a chiamare timeout a 7 secondi dal termine (96-94). La tripla di Jackson non va a segno e così, dopo una vera e propria battaglia agonistica, Chieti può esultare: al cinquantesimo, il tabellone recita 96-94.

Lux Chieti Basket 1974 - Tecnoswitch Ruvo di Puglia 96-94 (9-17; 31-41; 55-56; 71-71; 83-83)

Lux Chieti Basket 1974 96: Obinna 11, Masciopinto 0, Reale 13, Maggio 17, Lips 19, Cena 2, Ciribeni 13, Paesano 18, Berra 3, Febbo NE, Di Iorio NE, Gelormini NE,

Tecnoswitch Ruvo di Puglia 94: Eliantonio 5, Deri 0, Traini 28, Jackson 27, Ghersetti 5, Galmarini 16, Toniato 7, Leggio 6, Contento NE, Boev NE.

Fonte: Federico Ionata - Addetto Stampa Lux Chieti Basket 1974 

 

Classifica: Serie B Nazionale - Girone B

Squadra Pt G V P
Talos Ruvo di Puglia 40 26 20 6
Pallacanestro Roseto 40 26 20 6
Rucker San Vendemiano 38 26 19 7
Basket Jesi Academy 36 26 18 8
Janus Fabriano 30 26 15 11
Cestistica San Severo 30 26 15 11
Chieti Basket 1974 27 26 14 12
Raggisolaris Faenza 26 26 13 13
Virtus Pallacanestro Imola 26 26 13 13
Andrea Costa Imola 26 26 13 13
Basket Mestre 24 25 12 13
Virtus Lumezzane 22 26 11 15
Virtus Basket Padova 20 25 10 15
Basket Ravenna 20 26 10 16
New Flying Balls Ozzano 18 26 9 17
Pallacanestro Vicenza 18 26 9 17
Basket Bisceglie 16 26 8 18
Cus Jonico Taranto 8 26 4 22
© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!