NBA, quanto seguito ha in Italia?

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/25-03-2024/quanto-seguito-italia-600.jpg

Social

È il secondo sport più seguito e più praticato in Italia dopo il calcio. Parliamo del basket, che di recente ha visto esplodere talenti nostrani poi arrivati a giocare anche all’estero. Persino nel campionato più iconico del mondo, la NBA. Un torneo, quello americano, che ha preso tanto piede anche da noi a livello di tifo e pubblico. La platea di appassionati, infatti, si è allargata parecchio a partire dal secondo decennio degli anni 2020, raggiungendo il picco nel 2022, quando la crescita di spettatori ha fatto registrare quasi un raddoppio rispetto all’anno precedente: +81%. Numeri niente male, che si sono mantenuti, se non ancora aumentati, nel corso dell’ultimo biennio.

Infine, il dato è ancora più impressionante se si pensa che il nostro è il secondo Paese dell’UE tra gli aficionados NBA, subito dopo il Portogallo. Ma dove risiede la ragione di un successo di tale portata? In primo luogo, probabilmente, c’è il fatto che molti giocatori della nazionale italiana degli ultimi anni, come Gallinari, Datome e altri, sono andati a giocare nei migliori roaster a stelle e strisce, anche se ora ce ne sono solamente 2. Per non parlare, poi, del fascino suscitato dall’organizzazione e dalla spettacolarità del torneo made in USA, ricco anche di appuntamenti che vanno al di fuori dei match ordinari, come i playoff o la NBA Three-point Shootout, nella quale alcuni dei migliori giocatori si sfidano in una gara di tiri da tre punti.

Quali sono le squadre più tifate in Italia?
A fronte di un tale seguito, la domanda sorge spontanea: quali sono i principali roaster tifati nel nostro Paese ogni anno? Ebbene, la risposta è presto data. Volendo fare una sorta di Top 5, al quinto posto troviamo a pari merito i Miami Heat e i Boston Celtics. Essi sono preceduti per poco dai Cleveland Cavaliers, mentre sul gradino più basso del podio troviamo i Golden State Warriors. Ai primi due posti, probabilmente per il fascino dei giocatori che vi hanno giocato e ci giocano tutt’ora, oltre che per motivi cinematografici, troviamo due squadre dalla storia incredibilmente ricca di successi. Secondi, infatti, risultano i Chicago Bulls, squadra di Scottie Pippen e di sua maestà Michael Jordan.

Cestisti leggendari, che hanno portato la cultura del toro e della NBA anche da noi. Inoltre, Jordan è noto persino da un punto di vista cinematografico, non solo con i recenti film “Air” e “The Last Dance”, ma soprattutto per la sua interpretazione in Space Jam, laddove lo si vede giocare anche con i Chicago Bulls. Al primo posto, staccati per poche migliaia di tifosi, troviamo invece i Los Angeles Lakers, amati soprattutto per le figure altrettanto leggendarie del compianto Kobe Bryant e di LeBron James.

Diffusione delle scommesse sulla NBA
Tutto questo successo, ovviamente, non poteva che creare una diffusione anche di tutto ciò che ruota attorno al fenomeno NBA. Dai diritti TV, al momento detenuti da Sky nel nostro Paese, al merchandising, arrivato grazie ad alcuni marchi di abbigliamento sportivo anche da noi. Per non parlare del comparto betting. Sono davvero molti, infatti, gli italiani che provano a piazzare il proprio pronostico sul basket, quasi preferendo sistematicamente il torneo americano alla nostrana Serie A.

A dimostrazione di questo ci sono i diversi siti per scommettere sulla NBA che sono facilmente raggiungibili in Italia e che consentono di piazzare la propria previsione su diversi aspetti del campionato a stelle e strisce: dalle quote antepost su chi vincerà l’anello 2024 al risultato esatto della singola partita, fino alla prestazione individuale.

Videogames sulla NBA disponibili in Italia
Altro dato che conferma la bontà di quanto detto finora è l’assenza di videogames sulla Lega Serie A di basket, mentre sono diffusi alcuni giochi per PC, console e mobile relativi alla NBA. Inizialmente, come nel caso di FIFA e PES, esistevano due giochi concorrenti. Il primo era sviluppato da EA Sports e parliamo della saga degli NBA Live, che quest’anno non è stato sviluppato come da annuncio della casa americana di videogiochi.

Il secondo, di cui è disponibile la versione 2024 appena uscita, è NBA 2K24, un gioco dalla grafica mozzafiato che ha venduto già diverse migliaia di copie in pochi giorni dal suo lancio. Per dispositivi mobile, invece, è disponibile un gioco free-to-play intitolato NBA Infinite, un titolo dedicato al basket americano che permetterà ad amici e conoscenti di fare squadra da remoto sia su iOS che Android. Si può giocare in diverse modalità, come la 3vs3 o la 5vs5.

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!