Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Victoria Libertas Pesaro - Dinamo Sassari: 81 - 88 , Serie A > Girone Unico

Sabato prepasquale di vitale importanza per la VL che affronta la Dinamo Sassari di coach Pozzecco, fresca fresca di finale di Fiba Europ Cup. La VL vedrà l’esordio con la maglia biancorossa dell’ex Avellino Wells; i pesaresi recuperano in extremis anche Lyons, infortunatosi a Trento, il quale giocherà con degli occhiali di protezione. La Dinamo Sassari è la squadra del momento (sette vittorie consecutive tra campionato e coppa), tutto nonostante la perdita a metà stagione di Bamforth, che ha patito la rottura del crociato; i sassaresi nelle ultime due hanno prima sbancato il Forum di Milano e poi hanno fatto di un sol boccone la GrissinBon Reggio Emilia in casa.

Arbitri: Sahin T.O., Bettini G., Grigioni V. (spett:4527)

QUINTETTI

VL
: Blackmon, Lyons, Zanotti,Wells, Mockevicius

Dinamo: Smith, McGee, Pierre,Thomas, Cooley

PARZIALI: 22-16; 44-33 (17-22); 49-59 (16-15); 81-88 (32-29)

VL: Blackmon Jr. 18, McCree 23, Artis 0, Conti Ne, Lyons 3, Giunta Ne, Tognacci Ne, Ancellotti 6, Monaldi 12, Zanotti 0, Wells 12 , Mockevi?ius 7.

SASSARI: Spissu 6, Re 0, Smith 20, McGee 8, Carter 5, Devecchi Ne, Magro 0, Pierre 5, Gentile 7, Thomas 18, Polonara 11, Cooley 8.

1° Quarto

Primi punti del match che arrivano dopo due bombe sbagliate da Lyons con il libero di Cooley. La 0Vl ha le mani freddissime: tre minuti ed è ancora a 0. La tripla di Thomas dà il 6-0 ai sardi; Smith inchioda l’8-0 ed è già timeout Vl. Pierre continua ad allungare il parziale negativo per i biancorossi ed è già 11 a 0. I primi punti dei pesaresi arrivano con Wells dopo quasi 5 minuti. I pesaresi continuano a incocciare i ferri della Vitrifrigo; McCree segna il 6-13. Lyons dopo innumerevoli errori mette la tripla del 9-13. Cooley viene ben chiuso sotto i ferri da Mockevicius; McCree va ancora a segno e riporta in scia i pesaresi sul -2 ed è questa volta Pozzecco a chiamare la sospensione. Uscita dai timeout Sassari piazza un 4-0. Lyons recupera il rimbalzo in attacco e consente la tripla di McCree. Ultima azione e McCree commette la solita ingenuità pesarese dell’ultimo secondo: tre liberi regalati e Sassari che si ritrova sul 16-22.

2° Quarto

Arriva il primo canestro di Mockevicius. Si iscrivono nel match anche gli italiani: prima Spissu tra i sarsi a cui risponde Monaldi. Gentile riallunga sul 21-28 e Spissu ancora per una doppia cifra di vantaggio sul 21-31. Pesaro è capace di segnare solo dai liberi, ma nonostante tutto resta in partita sul-7. Per Pesaro arrivano anche le buone notizie: Cooley commette il suo terzo fallo con l’evidente smanacciata su Mockevicius. Monaldi in entrata segna due rocamboleschi del nuovo -5. Carter e McGee trovano due facili penetrazioni, ma è Monaldi con il suo settimo punto a mantenere i pesaresi in scia. Blackmon torna a segnare da tre accoppiato contro Polonara. Sassari sbaglia liberi a ripetizione, ma i pesaresi non approfittano. L’anconetano Polonara riallunga sul +7 prima e poi mette i liberi del +9. Il pubblico pesarese protesta focosamente per decisioni degli arbitri; la Vl fatica enormemente a trovare la via del canestro; Zanotti si mangia due punti da sotto, Blackmon due penetrazioni consecutive e il parziale dei sardi si allunga sul 7-0 per doppia cifra di vantaggio del match proprio in fil di sirena sul 33-44.

3° Quarto

Pesaro chiamata ad un’altra rimonta impossibile e ci prova con Blackmon e McCree di nuovo insieme. Cooley mette subito il +13 e McGee il +14. Per i pesaresi va a segno il neo arrivato Wells che ossigena un attacco completamente fermo. Smith dalla lunetta mette il +16,massimo vantaggio dei sassaresi. Sono solo 4 i punti dei pesaresi a referto nel quarto in poco meno di 5 minuti. I biancorossi sono anche capaci di sbagliare facili lay-up e vengono puniti dal contropiede di McGee, mette il +19 e virtualmente chiude il match. Capitan Ancellotti torna a far segnare i pesaresi con due appoggi da sotto; McCree segna e subisce il fallo e i pesaresi hanno rosicchiato 5 punti per continuare ad avere una flebile speranza. Monaldi dalla lunetta accorcia ancora sul -13; Pierre commette il terzo falla; Polonara perde il terzo pallone consecutivo per il Banco e la tripla di McCree mette 10 lunghezze che chiudono il quarto sul 49-59.

4° Quarto

Subito McCree ed è un incredibile meno 7 che in venti secondi diventa meno 4 con un’altra bomba semppre del rientrante americano. Thomas raffredda gli spiriti dei pesaresi con la bomba dall’angolo, ma la partita è comunque definitivamente riaperta quando ancora ci sono da giocare 8 minuti e mezzo. Gentile segna la tripla dalla punta. McCree continua a macinare punti intanto; Thomas intanto sbaglia altri due liberi ( sei su sei ). Blackmon mette il meno 2 dopo la gran difesa di Monaldi. Thomas mette ennesima tripla del quarto. Blackmon risponde e si viaggia ancora sul meno 2. Sassari trova ancora punti da Smith ma Blackmon on fire mette altro tiro da 3 per il meno 1. Smith continua in entrata con gran rovesciata, McCree risponde ancora ma le cattive notizie per i pesaresi arrivano dalla situazione falli: Lyons commette il quarto fallo e purtroppo McCree il suo quinto.

La tripla di Thomas gela la Vitrifrigo con il +6, ma i pesaresi ancora ci credono. Anche l’infermabile Thomas commette il quinto fallo, Wells mette i liberi del -4. Tripla di Monaldi del -1; ultimi due minuti. Sassari segna ancora con Smith un long two. Dall’altra parte Lyons perde palla e costringe Monaldi al quinto fallo. Wells sbaglia l’entrata e Sassari la chiude con Polonara. Si chiude sul 81-88. Pesaro ci aveva creduto, rimontando praticamente 20 punti a cavallo di terzo e quarto fallo, ma l’uscita per cinque falli di McCree e la prevedibile stanchezza nei minuti finali hanno affossato i sogni dei pesaresi che dovranno ancora lottare, nonostante le buone notizie dagli altri campi.

Giacomo Bertini

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: