Virtus Bologna - Dinamo Sassari: 86 - 69 , Serie A > Girone Unico

Virtus Segafredo Bologna vs Banco di Sardegna Sassari 86-69
(1Q 22-12; 2Q 38-39; 3Q 63-53)

Virtus Segafredo Bologna: Mannion n.e, Belinelli 11, Pajola, Jaiteh 8, Lundberg 6, Shengelia 18, Hackett 10, Mickey 14, Camara, Weems 12, Ojeleye 4, Abass 3. All: Scariolo

Banco di Sardegna Sassari: Jones 5, Robinson 15, Dowe 7, Kruslin 7, Gandini n.e, Devecchi, Treier 3, Chessa, Stephens 2, Bendzius 19, Raspino n.e, Diop 11. All: Bucchi

Arbitri
: Mazzoni, Quarta, Galasso

if(window.location.href.includes("115244")){document.write('
');}else{document.write('
');}

Ventottesima giornata di LBA per la Virtus Segafredo Bologna che ospita il Banco di Sardegna Sassari. Palla a due vinta dalla Virtus che trova subito il primo canestro con Hackett, a cui risponde subito Stephens con un appoggio di tabella: ancora Hackett da tre punti prova a dare il via alla prima fuga bianconera. Con un parziale deciso la Virtus allunga sul 13-4 grazie ad uno Shengelia decisivo su entrambe le metà campo e costringendo Sassari ad un time out. Con un ottimo Shengelia supportato da Ojeleye, la Segafredo chiude avanti il primo parziale con il punteggio di 22 – 12. L’inizio di secondo parziale non brilla come il primo per l’attacco bianconero che fatica a trovare il canestro, realizzato solo dopo 2′ minuti di gioco da Weems con un ottimo movimento di piedi. Sassari sbaglia tanto e perdere diversi palloni sanguinosi che aprono ai contropiedi dei bianconeri: Dowe e Robinson segnano un parziale di 5-0 per i biancoblu che li porta a 8 lunghezze, ulteriormente accorciate dalla tripla di Kruslin dall’angolo che vale il 25-21.

Dalla parte opposta Weems trova due punti che danno continuità. Diversi errori da entrambe le parti consentono a Dowe trovarsi libero in attacco dopo un mancato rientro difensivo e indisturbato colpisce da tre, imitato pochi istanti dopo da Bendzius che pareggia i conti sul 27-27 con 4.30′ da giocare prima dell’intervallo. Il canestro di Diop firma il vantaggi ospite, che dura una manciata di secondi perché Ojeleye e Hackett mettono insieme un parziale di 5-0 costringendo Sassari all’ennesimo time out. Sassari continua con il suo gioco da tre che risulta molto efficace soprattutto in transizione con un contro parziale di 8-0 che consente di prendere la leadership della partita sul 35-37 a meno di un minuto dalla fine. Le due squadre raggiungono gli spogliatoi con il punteggio di 38-39.

All’avvio del terzo parziale le due squadre continuano a mantenere uno stallo precario ma senza che nessuna riesca a prevalere nettamente: dopo 3′ minuti è la Virtus ad avere un piccolissimo margine di 2 punti sugli ospiti sul punteggio di 45-43. Alla tripla in transizione di Belinelli risponde Kruslin, poi la Segafredo è capace di costruirsi un parziale di 4-0, sul punteggio di 52-48, per provare a ricostruire il gap. Shengelia prova a farsi carico dei compagni in fase offensiva: il gap creato è utile ai bianconeri che riescono ad allungare sul 61-53 al tramonto del parziale chiudendo il parziale sul punteggio di 63-53. Continua anche nell’ultimo parziale il momento topico della Segafredo che stringe la difesa e si aggrappa ai rimbalzi catturati, sia offensivi che difensivi, e ad un Jaiteh che su entrambe le metà campo sta facendo sentire il suo peso specifico. Anche Sassari riesce ad uscire alla distanza, provando anche ad innervosire il gioco ma è costretta a fare i conti con la fisicità della Virtus che concede poco in fase offensiva con appena 6 punti in oltre 6′ minuti di gioco. La Segafredo invece continua a produrre gioco e dilata il gap portandosi sul+15 quando sul cronometro mancano poco più di 3′ minuti di gioco. Nel finale il divario si amplia ancora di più e la Segafredo vince con autorevolezza il match con il punteggio di 86-69. 

Fonte: ufficio stampa Virtus Bologna

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche: