Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'attesa è finita, questa sera a Pesaro il ritorno in Serie A della Fortitudo Bologna

L’attesa (che durava dal 31 marzo scorso, giorno della vittoria su Ferrara) è finalmente terminata. Il ritorno nell’olimpo della nostra pallacanestro, per la Fortitudo Pompea, si materializzerà martedi sera, con la prima palla a due del nuovo campionato di serie A che sarà alzata alla Vitrifrigo Arena di Pesaro. Subito un confronto che riporta con la mente a sfide che hanno contraddistinto e scritto (in epoche neanche troppo remote) pagine importanti per la pallacanestro italiana ed europea.

Un momento atteso da tanti, troppi anni da parte di un popolo che già per il debutto (in una serata di giorno feriale) sarà presente con un numero molto importante di tifosi al seguito, in attesa dell’abbraccio collettivo di domenica prossima quando, al PalaDozza, ci sarà il debutto casalingo contro i Campioni d’Italia della Reyer Venezia. La Pompea, contro la Carpegna Prosciutto Pesaro, sarà priva dell’infortunato Sims e non potrà ancora schierare il neo arrivato Stephens.

Si parte! Tutto è pronto per l’anticipo della prima giornata del campionato di serie A. Pesaro e Fortitudo scenderanno sulle tavole del parquet della Vitrifrigo Arena alle ore 20.30 di martedì 24 settembre, con diretta streaming sulla piattaforma di Eurosport Player e a Casa Fortitudo e racconto ‘live’ del match sulla pagina Instagram ufficiale del Club biancoblu (fortitudo103_official).

Foto sito ufficiale Fortitudo Pallacanestro Bologna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: