Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Campetto Ancona, coach Rajola ''Una partita bellissima e ben giocata. Adesso pensiamo alla trasferta di Ozzano''

La partita che tutti in casa Luciana Mosconi avevano sperato. Per fermare la lanciatissima Janus Fabriano ci voleva una squadra tosta, determinata e unita. E i bianconeroverdi sono stati tutto questo. Una sintesi di energia, difesa, lucidità e anche talento, quelle doti che coach Stefano Rajola ha sempre saputo di avere in mano anche se celate dalla polvere delle troppe, tante, sconfitte dei dorici nel girone di andata. Sin dal suo arrivo ad Ancona il tecnico pescarese non ha mai nascosto di credere fermamente nelle capacità e nella forza della sua squadra.

Un lavoro di autoconvincimento che ogni giorno, in ogni allenamento, il coach non smette mai di compiere. La Janus era forse l’avversario ideale per far capire ai giocatori le loro vere qualità. Una vittoria figlia di un’altrettanto ottima settimana di allenamento e anche di una convinzione nei propri mezzi che ogni giocatore assume giorno dopo giorno. Il dopo partita contro Fabriano è logicamente fatto da una pioggia di complimenti e sorrisi per Rajola che dopo i saluti, gli abbracci (c’è anche qualche selfie) si presenta lucido in area stampa del Palarossini.

“Una partita bellissima e ben giocata - ammette Rajola - che abbiamo approcciato nella maniera giusta con Fabriano che sia alla fine del primo che del secondo quarto ha trovato due triple sulla sirena che potevano anche far male dal punto di vista mentale. Nella ripresa siamo rientrati in campo tosti e ancor più concentrati facendo una grande partita sia dal punto di vista difensivo che offensivo. Ci siamo tolti quella pressione che avevamo specialmente nelle partite in casa. Ho sempre detto ai ragazzi di giocare tranquilli pur stando attenti. Stasera lo abbiamo fatto e faccio davvero i complimenti ai ragazzi perchè in settimana hanno lavorato davvero tanto e bene. Ci impegniamo sempre per preparare al meglio le partite, ma devo essere sincero e dire che nell’ultima settimana lo abbiamo fatto ancora meglio. “

Di che cosa sei più contento stasera? del risultato o della prestazione della squadra?
“Quello di cui sono più contento è che questa vittoria sicuramente darà ai ragazzi la consapevolezza della loro forza. Da quando sono arrivato spiego a loro quello che sono e che possono dare. Sono io il primo a esserne convinto e vittorie come queste servono a far aumentare questa consapevolezza nella squadra. Sono stato contento di non essere stato smentito dalla partita perchè è anche facile giocare bene e poi perdere specie contro squadre come Fabriano. Invece giocare bene e vincere come in questa maniera, e davanti a un pubblico incredibile, è molto importante per il proseguo del nostro campionato.”

Hai detto che il girone di ritorno è per la Luciana Mosconi l’inizio di un altro campionato. E’ quindi iniziato benissimo.
“Certo, ma abbiamo vinto comunque solo una partita, dobbiamo giocare tutto un girone di ritorno e adesso sotto con Ozzano.”

Tre vittorie nelle ultime quattro partite e giocatori come Gueye e Quaglia che tornano a incidere.

“Tutti stasera hanno dato il loro apporto. Chi in attacco e chi in difesa. Sono contento sicuramete per Ous che aveva davvero bisogno di fare una partita come questa. Sottolineo in particolare anche la prova di Quaglia che è stato un mese fuori ed è rientrato alla grande. Comunque complimenti a tutti davvero.”

Alla luce di questa bella prestazione e vittoria l’obbiettivo della Luciana Mosconi rimane la salvezza?
“L’obiettivo della Luciana Mosconi è vincere ora ad Ozzano, non possiamo pensare ad altro anche perchè non dipende solo da noi. Come ripeto il girone di ritorno è un secondo campionato, lo cominciamo con una vittoria bellissima e importantissima ma dobbiamo soltanto guardare partita per partita.”

Fonte: ufficio stampa Campetto Ancona

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: