Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Charlie Recalcati ''La stagione va cancellata come se non si fosse giocata. Niente scudetto, promozioni o retrocessioni''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/18-03-2020/charlie-recalcati-stagione-cancellata-fosse-giocata-niente-scudetto-promozioni-retrocessioni-600.png

Social

Interessante intervista rilasciata da Charlie Recalcati al Corriere dello Sport a firma di Damiano Montanari. Questi alcuni dei concetti più interessanti espressi dall'ex CT della nazionale.

“Dobbiamo avere la sensibilità e l’accortezza di pensare che ci sono problematiche al di là dello sport e della pallacanestro e devono essere messe davanti a tutto. L’incolumità e la salute delle persone sono prioritarie, anche rispetto agli interessi economici in gioco. Per questo ho apprezzato i Paesi che hanno bloccato tutta l’attività. Ora pensiamo alla salute: al campionato penseremo a settembre. Si deve chiudere tutto.Ora tutti cominciano a rendersi conto che, andando bene, la situazione che stiamo affrontando si protrarrà fino a maggio o giugno. Per quella data potremmo ipotizzare una ripresa cauta e progressiva, ma credo che ci saranno altri problemi: in primis l’attenzione a non incorrere in ricadute.

Come si può pensare, su queste basi, di programmare la ripartenza dell’attività? L’ansia di avere notizie quotidiane è uno stillicidio che toglie energie fisiche e mentali, senza dimenticare che ora ognuno tende a difendere i propri interessi personali. Prendere una decisione netta sarebbe di grande aiuto per riprogrammare i prossimi due o tre anni pensando di aiutare le parti deboli del movimento. Non penso solo alle società , danneggiate grandemente dall’assenza degli incassi al botteghino e dal possibile mancato pagamento degli sponsor, a loro volta in difficoltà, ma a tutte le componenti del movimento, fino agli istruttori del minibasket.

Lo scudetto? Quest’anno lo scudetto non deve essere assegnato. Nessuna promozione, nessuna retrocessione. La stagione va cancellata come se non si fosse giocata. E’ comprensibile che qualcuno non sia d’accordo. Ma di fronte allo stato generale e di salute della nazione e dello sport è un sacrificio che si può chiedere. Proseguire in estate? Chi ci garantisce che per quella data saremmo in grado di riprendere l’attività al 100%? E la prossima stagione quando inizierebbe? I giocatori hanno bisogno di tempo per riprendere una condizione fisica accettabile ed essere pronti agli “scontri” sul parquet. La loro salute deve essere una priorità."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: