Il Cus Jonico Taranto vince il big match sul campo della Real Sebastiani Rieti

Fase Orologio che si apre per Rieti con una sconfitta. Stavolta a violare il PalaSojourner è la corazzata Taranto: diretta concorrente alla vittoria finale. Probabilmente la squadra più forte considerando anche i futuri incroci con il girone C in ambito PlayOff. Matrone, per i pugliesi, ad 1” dal termine della gara mette a segno – fin troppo facilmente – il canestro della vittoria. Taranto sbanca il PalaSojourner 63-65. Prossimo impegno, mercoledì 24 marzo alle ore 18 contro Catanzaro.

LA GARA – Primo Quarto dell’equilibrio. Alla tripla Bruno per i pugliesi risponde, Loschi per i reatini. Poi si “scaldano” le mani degli attacchi e la gara decolla, con Ndoja da una parte e ancora Bruno dall’altra a segnare un continuo sorpasso e controsorpasso. Al 6’ la bomba di Loschi segna il momentaneo +4 (13-9) ma Taranto non cede e si riporta sotto fino al 19-18 con cui si conclude la prima frazione.

Il Secondo Quarto è nel segno della Sebastiani con qualità e determinazione: Basile e Drigo capitalizzano mandano Rieti sul +9 (31-22): massimo vantaggio dall’inizio della gara. Lo stesso Drigo – a 2’23” si fa sanzionare un antisportivo che consente a Taranto di restare attaccata al mach con un gioco da quattro punti che riporta i rossoblù dentro la partita (36-31). Si va al riposo sul 38-33.

Il Terzo Quarto si apre con il 2/2 di Loschi dalla lunetta. E pian piano la Sebastiani torna a +9 (42-33). Taranto tiene botta con Matrone e Stanic che rimettono la CJ in carreggiata, complici – anche –due indecisioni dei padroni di casa (42-37). Poi equilibrio fino alla fine, con Loschi che chiude la frazione con altri due punti e Matrone che fa un doppio 0/2 dalla lunetta consentendo alla Sebastiani di presentarsi all’ultimo strappo di gara sul +5 (49-44).

Ultima frazione con la bomba di Ndoja dopo il libero di Azzaro e la Sebastiani vola sul +7 a 8’36” dalla fine dell’incontro. Stanic risponde con una conclusione da due punti ed una palla recuperata in difesa, Azzaro trova la tripla ed è parità (52-52). Azzaro prima e Matrone poi riportano Taranto avanti (52-54). Stanic poi in penetrazione per il +4 CJ, ma la tripla di Traini riporta la Sebastiani a -1 (55-56). A 22″ dalla sirena, Drigo perde palla in attacco, Stanic manovra e sfrutta il cronometro fin quasi allo scadere: Taranto – con Matrone – trova da sotto il canestro del definitivo +2 (63-65). Per Rieti la sconfitta è inevitabile.

BORDOCAMPO - “Ci sono situazioni da analizzare a fondo nelle prossime ore visto che mercoledì si torna di nuovo in campo. È stata una gara fisica ed intensa esattamente come ce l’aspettavamo, purtroppo in sfide del genere non possiamo pensare di perdere almeno venti palloni dando vantaggi agli avversari per poi doverci inventare sempre qualcosa per andarla a riprendere. Servirà più attenzione in futuro, ma non è di certo mancato l’impegno. Bene anche in difesa rispetto alle ultime uscite”. Sono queste le dichiarazioni di coach Alex Righetti al termine della gara.

Real Sebastiani Rieti - CJ Basket Taranto 63-65 (19-18, 19-15, 11-11, 14-21)

Real Sebastiani Rieti: Klaudio Ndoja 17 (4/8, 3/9), Federico Loschi 16 (3/4, 2/7), Mathias Drigo 15 (3/4, 2/2), Giuseppe nicolò Basile 6 (0/1, 2/2), Andrea Traini 3 (0/2, 1/3), Vincenzo Provenzani 3 (0/1, 1/1), Marco Di pizzo 2 (1/1, 0/0), Paolo Paci 1 (0/4, 0/0), Enzo Cena 0 (0/2, 0/0), Leonardo Di battista 0 (0/0, 0/0), Eric Visentin 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 9 - Rimbalzi: 30 4 + 26 (Klaudio Ndoja 11) - Assist: 14 (Andrea Traini 6)

CJ Basket Taranto
: Ferdinando Matrone 14 (4/10, 0/0), Alessandro Azzaro 14 (4/4, 1/2), Nicolas manuel Stanic 13 (6/11, 0/3), Santiago Bruno 12 (2/3, 2/5), Nicolas Morici 6 (3/8, 0/4), Bruno Duranti 6 (0/3, 2/4), Nicola Longobardi 0 (0/1, 0/0), Milos Divac 0 (0/0, 0/0), Riccardo Agbortabi 0 (0/0, 0/0), Andrea Pellecchia 0 (0/0, 0/0), Marco Manisi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 20 - Rimbalzi: 30 8 + 22 (Ferdinando Matrone 12) - Assist: 8 (Nicolas manuel Stanic 3) 

Giovanni Filippi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!