Dinamo, GM Pasquini ''La Dinamo dà garanzie economiche ma soprattutto la prospettiva di un futuro per la carriera dei giocatori''

Facendo il punto con Antonello Palmas su “La Nuova Sardegna”, il General Manager Federico Pasquini è stato soddisfatto del mercato estivo biancoblu: “Abbiamo optato per una strategia aggressiva da subito, perché ciò ti consente di prendere giocatori che davvero vedano la Dinamo non come un ripiego, ma come opportunità di fare l'ultimo salto di qualità in carriera, o comunque di mantenere un buono standard. Quest'anno in Serie A ci saranno 10-12 giocatori che sono passati da qui, e questo è un segnale pesante per chi firma per noi ora. Contano la serietà, le garanzie economiche, il fatto di poter vivere in una bella realtà, ma soprattutto la prospettiva di un futuro per la tua carriera. Sassari la dà”.

if(window.location.href.includes("115244")){document.write('
');}else{document.write('
');}

Pasquini ha anche raccontato di come ha agito nel ritoccare il roster, specialmente nel backcourt: “Nella gestione Bucchi hanno contato molto due aspetti. Il primo è il ruolo del play: il rendimento di Robinson nel primo anno e quello di Dowe nel secondo sono stati la chiave di grandi strisce di vittorie, da qui la scelta di partire con i registi. Il secondo aspetto è la necessità di avere sempre in campo due creatori di gioco: l'esperimento Dowe-Robinson è andato bene sinché gli infortuni non lo hanno frenato, ma anche Robinson-Gentile e Dowe-Gentile in certi momenti della stagione hanno dato buoni riscontri. Questa volta puntiamo su Whittaker-Tyree/ Cappelletti-Gentile, più forza il primo play, più energia l'altro, più elettricità la prima guardia, più pensante la seconda”.

Sassari è riuscita anche a confermare Ousmane Diop: “Sul fatto che Ousmane sia rimasto a Sassari il merito più grosso è di Stefano Sardara. Avrebbe potuto capitalizzare con un buyout come spesso accade con i giocatori in scadenza di contratto e con tante offerte, ma fin dal primo momento è stato grandioso perché tenendo la barra dritta ha messo sempre il progetto tecnico davanti a tutto e ha tenuto conto della voglia di Bucchi e mia di cavalcare l'onda di un giocatore in cui crediamo tantissimo. Perché vorrei firmare Diop? Perché penso che Sassari sia una grande società. Ha vinto 6 trofei in 12 anni, ha fatto le ultime due semifinali scudetto in una pallacanestro italiana in cui il budget di almeno 5-6 squadre è arrivato a un livello davvero altissimo. È normale cullare un certo tipo di ambizioni”.

La Dinamo è anche riuscita nell’obiettivo di allungare il roster: “Per Bucchi è fondamentale la qualità degli allenamenti. Avevamo necessità di avere giocatori che dal punto di vista motivazionale e fisico fossero in grado di gettarsi subito in sedute intense e dure. Da qui anche la scelta di essere in 13. E comunque in realtà la squadra 2022-23 non era così corta, se le rotazioni dei playoff erano sempre con 9-10 giocatori”. 

Fonte: Lega Basket

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!