La Dinamo Sassari ritrova la vittoria contro la Vanoli Cremona

Il Banco di Sardegna Sassari torna alla vittoria imponendosi contro la Vanoli Basket Cremona nel primo match della domenica della 19ª giornata. Al di là di una tripla di Charalampopoulos, l’inizio del match è tutto di marca ospite, in particolare delle incursioni di Zegarowski e Pecchia e del presente Golden nel pitturato (3-8). La Dinamo comunque resta sul pezzo servendo il tiratore Kruslin e trovando ancora efficacemente Charalampopoulos, bravissimo a scardinare la difesa avversaria (10-11). Dopo un altro bel taglio di Pecchia, Sassari ingrana le marce alte con i centimetri di Treier e Diop e un’altra bomba di Charalampopoulos del +4 locale, prima che Eboua batta la sirena del quarto con il suo tiro dalla media del 17-15.

I padroni di casa spingono però ulteriormente firmando un altro break di 9-0 con Treier preciso dalla lunetta e l’inarrestabile Diop al ferro, Adrian interrompe l’emorragia lombarda con le due belle giocate di tecnica valevoli il 26-17. A seguito di un’altra gran tripla di Charalampopoulos, Golden sale di colpi dal post-basso e innesca anche l’ex Lacey per il -2 Vanoli, prima che un tap-in di Gombauld rimette in carreggiata il Banco di Sardegna (30-26). Un’altra bomba di Charalampopoulos e due squilli consecutivi di Jefferson dal perimetro aggiornano poi il massimo vantaggio sardo sul +13 ma l’orgoglio di Denegri, autore di due bombe filate (una delle quali sulla sirena), non fa mollare Cremona (39-32 dopo 20’).

Dopo un iniziale botta e risposta da tre punti tra Jefferson e Adrian, anche Kruslin e Denegri fanno lo stesso e un super step-back di Charalampopoulos mantiene invariato il gap (47-40). Con le bombe di Jefferson e Zanotti, la partita resta molto vivace e un altro centro dalla distanza del numero 41 della Vanoli, assieme ai liberi di un solido Pecchia, tengono incollati gli ospiti (52-48). A seguito della penetrazione di Lacey del -2, Jefferson e Gombauld respingono indietro la Dinamo ma uno squillo dal perimetro di McCullough lascia Cremona in scia (57-53). Al termine del quarto, Lacey si prende il proscenio con cinque punti di puro talento anche per il sorpasso ospite ma una perla di Tyree ristabilisce il +1 Dinamo (59-58 dopo 30’).

In avvio di ultimo periodo sale ulteriormente il livello del match, dato che Cappelletti e McKinnie sorprendono la difesa avversaria da sotto e i guizzi di Zegarowski e Lacey rispondono pan per focaccia (64-63). Proprio Cappelletti, successivamente, dà un bel boost all’animo sardo trovando il centro Gombauld e ridando fiducia a Charalampopoulos, che manda a bersaglio la tripla del +8 a 6’ dalla fine. Ancora Lacey e un super canestro rovesciato di McCullough cercano di tenere vivi gli ospiti ma i jumper di Charalampopoulos e Jefferson siglano il +9, prima che capitan Pecchia firmi la tripla del 76-70 a 3’ e mezzo dalla fine.

Il pick and roll Cappelletti – Diop spegne subito l’entusiasmo della Vanoli e un’altra gran tripla di Jefferson ristabilisce la doppia cifra di vantaggio locale (81-70). Cremona mostra tutto il proprio carattere con gli ottimi Pecchia e Adrian nel pitturato, Diop dalla lunetta ferma un minimo la risalita e gli ultimi errori dal perimetro di Denegri e Lacey costringono però i lombardi alla resa. Finisce 86-80, con la Vanoli che riesce però a tenersi la differenza canestri negli scontri diretti (all’andata i lombardi hanno vinto di 12 punti).

Fonte: Lega Basket 

 

Classifica: Serie A - Girone Unico LBA

Squadra Pt G V P
Pallacanestro Brescia 32 20 16 4
Virtus Bologna 30 20 15 5
Olimpia Milano 28 20 14 6
Reyer Venezia 28 20 14 6
Napoli Basket 22 20 11 9
Pallacanestro Reggiana 22 20 11 9
Derthona Basket 20 20 10 10
Aquila Basket Trento 20 20 10 10
Scafati Basket 20 20 10 10
Basket Cremona 18 20 9 11
Pistoia Basket 18 20 9 11
Pallacanestro Varese 16 20 8 12
Dinamo Sassari 16 20 8 12
Treviso Basket 12 20 6 14
Victoria Libertas Pesaro 10 20 5 15
New Basket Brindisi 8 20 4 16
© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!