U15 Eccellenza Finale Nazionale: Trento-Milano è la finale. Risultati e tabellini delle semifinali

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/09-06-2024/eccellenza-finale-nazionale-trento-milano-finale-risultati-tabellini-semifinali-600.jpg

Social

Sarà Dolomiti Energia Trento-EA7 Emporio Armani Milano la finale della Finale Nazionale Eccellenza Under 15 Trofeo “Claudio Papini”. Si giocherà alle 18:30 domenica 9 giugno ad Anagni (FR) alla fine di una settimana tanto impegnativa, quanto agonisticamente interessante. Per il terzo posto, (alle 16:00) Cogeim Pall. Vado–Unibasket Lanciano, due squadre nuove per una Finale Nazionale, ma che hanno sicuramente meritato di esserci. Entrambe le Finali saranno trasmesse in diretta su Twitch,tv/Italbasketofficial

Dolomiti Energia Trento e Cogeim Pall. Vado giocano alla pari solo per il primo quarto, poi Trento spinge sull’accelleratore, aumenta l’intensità difensiva e con serenità ed autorevolezza raddoppia nei due quarti successivi Vado e guadagna la Finale.

if(window.location.href.includes("115244")){document.write('
');}else{document.write('
');}

Milano favorita dal pronostico? Lo è sempre, o quasi. Lanciano vittima sacrificale? Forse. Di sicuro è stata una semifinale combattuta, vera, intensa, alla pari. Gli scugnizzi di Lanciano, inferiori fisicamente, ma non per cuore, hanno impegnato fortemente l’Olimpia Milano al punto che al primo quarto, per la prima volta in questa Finale, ha chiuso sotto di 8 punti. Mattone dopo mattone, con le quattro triple di Jacopo Vogogna, e una difesa molto più attenta, Milano si è riportata in partita, ma è un corpo a corpo su ogni pallone. Dove non arrivano con la tecnica gli scugnizzi arrivano con la determinazione di lasciare un segno sulla partita e sulla manifestazione. 59-59 all’inizio del terzo quarto, ma con fatica, lottando sotto canestro, come a centro campo, con una maggiore intensità e il controllo delle palle vaganti, l’Olimpia Milano riesce ad effettuare il break, mentre Lanciano cede alla fatica. Milano è in Finale. Brava Milano, onore agli scugnizzi di Lanciano.

Le Semifinali

Cogeim Pall. Vado–Dolomiti Energia Trento 54-84

Con un’altra vittoria da almeno trenta punti di scarto e meno di sessanta punti subiti, la Dolomiti Energia Trento vince la semifinale delle imbattute su Vado e conquista un posto nella finalissima di domenica (84-54). Il break di 48-24, equamente distribuito nei due quarti centrali, permette ai ragazzi di coach Claudio March di costruire l’allungo decisivo dopo un primo periodo equilibrato (16-15), nonostante una situazione falli subito complessa soprattutto per il reparto lunghi trentino. Le mani calde di Dalla Bernardina da tre (4/9 e 16 punti in totale) e le incursioni di Machetti (24) guidano i bianconeri, ma la Cogeim trova energia e freschezza dalla propria panchina ed onora fino in fondo la partita, in attesa di una comunque storica finale per il 3° posto.

“E’ la nostra prima finale -racconta a fien gara Mario Machetti, capitano di Trento- saremo sicuramente emozionati e felici, ma la vogliamo giocare al meglio delle nostre possibilità. Prima ancora della mia prestazione personale conta la soddisfazione del lavoro di squadra che ci ha portato alla vittoria: non è un compito facile guidare questa squadra perché richiede sempre tanta lucidità, ma i miei compagni mi stanno aiutando tanto sotto questo punto di vista”.

Gli Allenatori

“Oggi è stata difficile. Sottocanestro contro Abdoulaye Traore -commenta Claudio March, allenatore Dolomiti Energia Trento– abbiamo giocato sempre sottocanestro con fatica e al limite del fallo. Siamo stati bravi a resistere nei momenti di difficoltà e a reagire. Domani? Una partita che parte alla pari, ma quanto è bello che siamo in finale?”

“Anche se abbiamo perso, è stata un’ottima partita -così a fine gara Marco Prati, allenatore Cogeim Pall. Vado– trenta punti di scarto sono ingenerosi, fermo restando i meriti di Trento. Paghiamo lo scotto di una formula che ci ha portato a giocare solo qui partite difficile e non ci ha permesso di capire la nostra forza rispetto agli avversari. Per la Finale per il terzo posto? Sono fiducioso dell’approccio con cui entreremo in campo”

Cogeim Pall. Vado–Dolomiti Energia Trento 54-84 (15-16, 27-40, 49-64)

Vado Ligure: Bueno Torres (0/3, 0/1), Pescetto 2 (1/1), Mungai 5 (1/6, 1/4), Dappino 4 (2/2, 0/1), Saad, Sogno (0/1, 0/1), Mamica 6 (0/3, 2/4), Savi (0/2, 0/1), Serafini 4 (0/5, 1/4), Mazzone 8 (4/7), Furfaro (0/5), Traore 25 (11/20, 0/2). All. Marco Prati.

Trento: Bortolin 6 (3/4, 0/2), Girardi (0/1 da 3), Andreolli 5 (1/3, 1/2), Fezzani 3 (0/1, 1/4), Francis 8 (4/5, 0/3), Dalla Bernardina 16 (2/5, 4/9), Bezzi, Manenti (0/1), Modanese 16 (6/12, 1/4), Marchetti 24 (9/16, 1/6), Cappozzo (0/4). All. Claudio March.

Arbitri: Mauro Renga e Samuele Montano.

Unibasket Lanciano-EA7 Emporio Armani Milano 64-75

L’EA7 Emporio Armani Milano conferma il pronostico e raggiunge la Dolomiti Energia nella finalissima che assegnerà domani lo scudetto Under 15 sul parquet di Anagni, ma deve sudare molto più del previsto per avere ragione della encomiabile Lanciano. Il +11 finale (era finita 109-53 per l’Olimpia nella seconda partita del girone eliminatorio) matura tutto in un ultimo quarto in cui gli abruzzesi pagano la fatica alla distanza, dopo aver condotto anche di dieci lunghezze ad inizio secondo periodo (21-11). Il ribaltamento della situazione arriva soprattutto quando si scaldano dall’arco le mani meneghine (6/12 nel secondo periodo), ma i 14 punti di Sadio dopo l’intervallo lungo – e la solidità di Ndour (15+13) contribuiscono a ristabilire un equilibrio che porta le due squadre all’ultima pausa in perfetta parità: 59-59.

Milano si adegua ai quintetti piccoli avversari – prezioso il lavoro di Salina sui due lati del campo – e pesca un contributo molto positivo da Firpo e soprattutto Finazzer Flory, le cui due triple (3/5 dall’arco per 13 punti totali) consecutive innescano il break che si rivelerà poi decisivo, anche perché gli abruzzesi mettono a referto appena cinque punti negli ultimi dieci minuti.

Gli allenatori

“Abbiamo dovuto lottare fino alla fine anche perché avevamo di fronte ragazzi di talento. Faccio i miei complimenti a Lanciano e per come sono cresciuti in queste gare -è la considerazione di Stefano Bertoli, allenatore dell’EA7 Emporio Armani Milano– Dobbiamo recuperare energie fisiche e mentali, ma meglio un po’ stanchi ma con esperienza in più dopo gare come quelle di stasera e di ieri con la Virtus Bologna”.

“Abbiamo provato a mettere un granello di sabbia nel loro ingranaggio. Li conoscevamo perché eravamo stati insieme nel girone di qualificazione -spiega Fabio Di Tommaso allenatore dell’Unibasket Lanciano– e ne abbiamo fatto esperienza cercando di preparare la partita lavorando sui loro punti deboli. Peccato per il risultato, ma non posso che fare i complimenti per il percorso fantastico fatto finora”

Unibasket Lanciano-EA7 Emporio Armani Milano 64-75 (19-11, 34-40; 59-59)

Lanciano: Sotera (0/1 da 3), Rossetti, D’Incecco 16 (5/11, 2/5), Del Prete 8 (1/7, 2/6), Pace, Capitanio 2 (1/2), Ndour 15 (6/10), Sadio 23 (3/12, 2/6), Di Pasquale. Ne: Di Gianvincenzo, D’Amato e Verì. All. Fabio Di Tommaso.

Milano: Finazzer Flory 13 (2/2, 3/5), Puccia Modica 2 (1/1, 0/1), Vogogna 26 (3/7, 5/12), Dozio 4 (2/2), Salina 2 (1/3), Lasalandra 3 (1/1), Compaore (0/1), Virgilio 9 (3/6), Nicolodi 5 (1/6, 1/3), Babangila 1 (0/2, 0/3), Tornese 6 (0/3, 2/3), Sguazzin 4 (2/8, 0/2). All. Stefano Bertoli.

Arbitri: Francesco Rosato, Marco Toffali.
Note: uscito per cinque falli Ndour (Lanciano). Fallo tecnico a Bertoli (allenatore Milano) e Di Tommaso (allenatore Lanciano). Fallo antisportivo a Capitanio (Lanciano).

Fonte: Fip 

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!