Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pisaurum Pesaro - Isernia Basket: 69 - 57 , Serie C Gold > Girone Unico

Il Pisaurum Pesaro supera l'Isernia Basket e conquista la quinta vittoria consecutiva, la decima stagionale, che permette ai ragazzi di coach Surico di proseguire la propria rincorsa verso la conquista di un posto nei playoff. Primo tempo molto equilibrato, con le due squadre sempre a stretto contatto e pronte a ribattere colpo su colpo. Le due squadre vanno così al riposo con il punteggio di 33-31 per i padroni di casa.

Al rientro in campo dopo la pausa arriva la svolta dell'incontro: i pesaresi spingono sull'accelleratore e riescono a conquistare un vantaggio in doppia cifra, che indirizza la partita a proprio favore. La squadra molisana non riesce a rientrare in partita, ed il Pisaurum gestisce la partita con sicurezza fino alla sirena finale. Tra i locali ottima la prova di Alessandroni, miglior marcatore della serata con 22 punti, e positive quelle di Cecchini e Sinatra. Nell'Isernia il migliore è stato Torreborre che ha chiuso con 19 punti a referto.

Pisaurum Pesaro - Isernia Basket 69-57

Pesaro: Cercolani 7, Cecchini 16, Sinatra 13, Chessa 1, Vichi 8, Del Prete ne, Minelli, Diotallevi 2, Bacchiani, Alessandroni 22, Volpe. All. Surico

Isernia: Torreborre 19, Adins 10, Caresta 12, Di Nezza, Cupito 7, Porfidia, Caruso ne, Melchiorre ne, Sabetta ne, Hussin 9. All. Barbuto

Parziali: 14-16, 19-15, 19-13, 17-13.
Progressivi: 14-16, 33-31, 52-44, 69-57.
Usciti per 5 falli: nessuno

Arbitri: Mattioli e Sperandini

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: