Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Atto di forza della Magic Basket Chieti sul campo della Sutor Montegranaro

Adesso per il sottoscritto, umile scrivano di pallida inventiva, diventa persino problematico attingere al repertorio di aggettivi elogiativi che di domenica in domenica meritano di accompagnare le imprese agonistiche dei Magici. Cominciano a scarseggiare, infatti, i necessari attributi, s’intende grammaticali, che possano celebrare convenientemente le prestazioni degli uomini di Castorina. Allora azzardo un “epici”, che credo possa dare giusta enfasi ad un’impresa storica. Si “storica” e per tre ragioni sostanziali.

In primo luogo, infatti, non ricordo a memoria nessuna compagine teatina capace di violare il mitico catino della Bombonera di Montegranaro. Secondariamente perché le dimensioni di questo successo, intorno ai 20 punti di scarto, attestano una superiorità tanto manifesta da denotare senza ombra di dubbio l’avvenuto raggiungimento di una personalità ormai matura e da grande squadra. Ed infine perché a differenza di quanto accaduto in passato, questa volta, neanche l’ultima “prodezza” di Povilaitis, capace di farsi espellere alla fine della seconda frazione, è riuscita a scalfire i neroverdi. Epici!

È vero che in avvio la Sutor, grazie alla precisione balistica di Selicato, autore di 7 punti punti in sequenza, Ciarpella e Lupetti, erano pur riusciti ad andare avanti nel punteggio sino al 18-11. Bravi, però, i neroverdi a compattarsi subito in difesa, a trovare più fluidità di gioco in attacco, grazie in particolare alla precisione oltre la linea da tre di Povilaitis e all’estro nel pitturato di Pelliccione, e a chiudere così in vantaggio di un punto la prima frazione. (23-24).

Due canestri dell’infoiatissimo Pelliccione aprivano poi il secondo quarto. Luca Rossi replicava da tre ma i Magici difendevano alla grande e per i padroni di casa era buio pesto. Si volava così, dopo 5’ di gioco, avanti di otto lunghezze e tutto sembrava procedere per il meglio, almeno sino a quando Povilaitis non beccava un tecnico, andando poi mestamente a sedersi in panca. La Magic perdeva, a questo punto, le certezze acquisite sul campo e con esse i propri equilibri di gioco, Momtegranaro ne approfittava, rimontando e mettendo la freccia del sorpasso, grazie ad un pesante parziale di 12-1 (38-35). Controsorpasso Magic, grazie ad un triplone di capitan Di Falco e due tiri liberi di De Gregorio ma Lupetti trovava due bombe d’incredibile difficoltà e “fortuna”, sigillando la frazione sul 44-42.

Al rientro dal riposo lungo, Montegranaro scompariva dalla scena, messa sotto, forse dalla miglior Magic della stagione. Musci vestiva la mantellina di Superman, affondando i colpi con una striscia di 7 punt. Sutor in tilt e coach Ciarpella, alla disperata, cercava di rianimare emotivamente i suoi, facendosi fischiare un tecnico per proteste. Tutto inutile, in 6’30” di gioco la Sutor metteva a segno la miseria di due punti, permettendo ai Magici di scappar via sino a +13 (46-59). È questa la fuga decisiva, nonostante Lupetti e Valentini riuscissero a rosicchiare qualche punticino prima della fine del terzo quarto. I tifosi di casa, per

la verità non demordevano, sperando, ancora, che Montegranaro potesse ripetere l’exploit in rimonta di domenica scorsa.Vana speranza perché la Magic non lasciava scampo alla Sutor e con una striscia di 13-0, in soli 2’30” chiudeva anzitempo la partita. Italiano, in questo frangente, metteva a segno tre bombe devastanti e quando Di Falco metteva a referto altri due punti il tabellone segnava ormai 80 per i neroverdi e 57 per i padroni di casa. Game over! Del tutto superflui risultavano così gli ultimi 7’ di partita, trascorsi con i teatini ad amministrare saggiamente palla, portando infine a casa due punti di capitale importanza.

Alla sirena, da una parte sutorini a capo chino, mesti per la prima sconfitta in stagione tra le mura amiche, e dall’altra Magici euforici per aver centrato la sesta vittoria consecutiva. Festa grande per un secondo posto, a sole due lunghezze dalla vetta, che fa sognare. Si è vero … da martedì prossimo testa fredda e piedi per terra … ma questa sera …. I wanna dream/Leave me to dream.

SUTOR MONTEGRANARO vs MAGIC BASKET CHIETI 68-87
?
Punteggi progressivi: 23-24; 44-42; 57-67; 68-87.
Punteggi parziali: 23-24; 21-18; 13-25; 11-20.

SUTOR MONTEGRANARO 68
Lupetti 13,, Sabatini ne, Rossi 6, Selicato 13, Di Angilla 6, Ciarpella F. 9, Bartoli 4, Palmieri ne, Valentini 14, Temperini ne, Mosconi 3, Marcantoni ne. All. Ciambella M.
Tiri totali 26/63 41%; tiri da tre 9/27 33%; tiri liberi 3/5 60%; Rimbalzi 37 (13-24).

MAGIC BASKET CHIETI 87
De Gregorio 15, Alba, Italiano 16, Povilaitis 9, Musci 17, Mennilli 5, Di Falco 14, Fusella ne, Razzi ne, D’Amico ne, Pelliccione 11, Masciulli. All. Renato Castorina.
Tiri totali 33/56 58%; tiri da tre 11/23 47%; tiri liberi 10/20 50%; Rimbalzi 29 (8-26).

MAGIC PRESS OFFICE
MASSIMO RENELLA

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: