Sassari, coach Pozzecco ''Continuiamo a giocare la nostra pallacanestro. Il tifoso sardo riconosce l'impegno e le difficoltà''

La Dinamo Banco di Sardegna è rientrata ieri notte dalla Germania al termine della doppia trasferta Saragozza-Bamberg: l’amarezza dell’eliminazione dalla corsa alla Final Eight di BCL si unisce alla consapevolezza di aver dato tutto nell’emergenza. Come spiega a mente fredda coach Gianmarco Pozzecco:

“Mi dispiace per i ragazzi che in emergenza hanno davvero dato l’anima in campo e meritavano di vincere e rientrare con i 4 punti. Poi per diversi motivi siamo fuori dalla competizione ma per dedizione, impegno e mentalità sono abbondantemente soddisfatto. Sappiamo che nello sport funziona così, sapevamo che in questa annata strana il Covid ci avrebbe costretto a fare i conti con una situazione particolare. Giocare poi partite così ravvicinate è surreale: lo facciamo nei playoff, quando ci si affronta ogni due giorni, ma entrambe le squadre sono sulla stessa giostra. Ma a me interessa che loro giochino insieme, stiano insieme, lo facciano con piacere: sappiamo che la vittoria è solo una conseguenza. Il percorso è quello giusto, resta il dispiacere ma oggi più che mai sono contento dei miei ragazzi”.

Il calendario non dà scampo al Banco che già stamane ha messo nel mirino la sfida con la Virtus Bologna in programma domani alle 20:45 nelle mura amiche: “Chiaramente non possiamo scegliere l’avversario: questa mattina ho detto alla squadra che dobbiamo essere consapevoli, continuare a fare le nostre cose, la nostra pallacanestro. Come è già successo chiedo tempo, so che il tifoso sardo riconosce l’impegno e la dedizione della squadra e a differenza di altri capisce le difficoltà, riconosce l’indole del gruppo. Ecco se c'è una cosa che mi dispiace infinitamente è che questa squadra non possa vivere il pubblico, perché è una squadra che ha un’anima, cosa che i nostri tifosi riconoscono al di là della lettura tecnico tattica”.

Domani il tecnico biancoblu potrebbe ritrovare i tre assenti delle ultime sfide: “Il Covid cela diverse insidie sui professionisti, noi speriamo che i nostri tre -Marco, Toni e Marco Antonio- abbiano un’ottima ripresa. Approfitto per ringraziare il Prof. Sergio Babudieri e il Dott. Catello Napodano che ci seguono sempre con grandissima cura e attenzione e anche in questo caso sono stati fondamentali per accelerare il percorso di guarigione dei nostri ragazzi”.

Fonte: ufficio comunicazione Dinamo Banco di Sardegna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!