La Virtus Roma 1960 festeggia la promozione in B Nazionale. Per il Loreto Pesaro non è ancora finita

Non basta un PalaMegabox gremito per allungare la serie. In questa gara 2 delle finali playoff, i ragazzi di coach Foglietti non sono riusciti, seppur una prestazione di livello altissimo, a pareggiare i conti contro i giallorossi e portare il tutto di nuovo nella capitale per gara 3. Dispiace, ovvio, soprattutto per non aver regalato l’ennesima gioia di una stagione, a dir poco clamorosa, a tutti tifosi gialloblu. E adesso? Calma. Il primo match point per accedere in Serie B Nazionale è stato fallito ma è ancora tutto aperto. L’Italservice ha infatti una seconda vita, una seconda possibilità. Ci si giocherà tutto allo spareggio contro la perdente della Conference Sud, attualmente in gara 3: Orlandina-Ragusa.

if(window.location.href.includes("115244")){document.write('
');}else{document.write('
');}

PRIMO TEMPO Rumore, confusione, passione, tifo. Il primo tempo si apre sul ritmo di un PalaMegabox dipinto a tema per spingere fin dal primo istante il roster rossiniano. Seppur un buono start da parte dei ragazzi di coach Foglietti, l’Italservice paga 12 rimbalzi avversari. Il primo stint dei 10 minuti va infatti alla Virtus Roma che riesce a prendersi un gap di 4 punti: 18-14. Nel secondo quarto i gialloblu cercano di dare una scossa tramite le azioni personali, sia d’inserimento che di rimbalzo, di Tognacci e Martinez non riuscendo però ad accorciare il parziale. Grazie ad una difesa attenta della Virtus Roma, all’intervallo si arriva sul 24-31.

SECONDO TEMPO Il riposo lungo serve da carica emotiva al Loreto che trova la reazione tanto cercata. Il solito Martinez conquista dei viaggi in lunetta subendo falli importanti e portando al quarto errore Fokou, Maruca si inventa spazi nelle penetrazioni, Cipriani firma il sorpasso. Poi un calo, inaspettato, con la Virtus Roma che si aggrappa a Whelan, Rocchi e Valentini e recupera in extremis il punteggio chiudendo il terzo quarto avanti 46-45. Negli ultimi 10 minuti, che si aprono con le triple di Martinez e Battisti, le emozioni si susseguono. Il PalaMegabox spinge, Italservice risponde presente e ci prova, Roma resiste e contrattacca. Non basta tanto cuore al roster di coach Foglietti che al suono della sirena si deve arrendere. La Virtus Roma vince gara 2 71-67 e strappa il pass per il balzo di categoria.

NON E' FINITA Adesso ci aspettano altre due o tre partite, altre due o tre finali. In attesa di conoscere chi incontreremo tra Orlandino e Ragusa, le date sono state già fissate. Gara 1 dello spareggio è fissata il 12 giugno in trasferta, gara 2 il 16 giugno al PalaMegabox, mentre eventuale gara 3 sempre in trasferta il 19 giugno. In palio c’è la Serie B Nazionale. L'Italservice Loreto c'è ed ha ancora tanta fame. (Fonte: ufficio stampa Loreto Basket Pesaro)

Loreto Pesaro - Virtus Roma 1960 67-71

Pesaro: Rupil 3, Lovisotto 2, Cevolini ne, Battisti 10, Cipriani 7, Monterisi ne, Maruca 19, Tombari ne, Tognacci 4, Broglia 3, Martinez 14, Casoni 5. All. Foglietti

Roma: Petrucci 8, Whelan 29, Frisari, Casale 3, Valentini 8, Zoffoli 4, Pellegrinotti ne, Columbano ne, Giorgi, Rocchi 7, Giacomi 7, Fokou 5. All. Tonolli

Parziali: 14-18, 10-13, 21-15, 22-25.
Progressivi: 14-18, 24-31, 45-46, 67-71.
Usciti per 5 falli: Martinez (Pesaro); Fokou, Giorgi e Valentini (Roma)

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!