Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Pallacanestro Pedaso supera l'Ascoli Basket e continua a correre

La Pallacanestro Pedaso supera con autorità l'Ascoli Basket e conquista la nona vittoria stagionale, confermando il quarto posto in classifica. Successo meritato per gli uomini di coach Ionni che hanno condotto in testa dal primo all'ultimo minuto, riuscendo a gestire nel corso della partita il vantaggio accumulato con un ottimo primo quarto, chiuso avanti 25-11.

Accusato il colpo della brutta partenza, la squadra ascolana ha reagito recuperando parte dello svantaggio e rimanendo ampiamente in partita per tutti i due quarti centrali nei quali ha risposto colpo su colpo ai padroni di casa. Negli ultimi dieci minuti i pedasini sono riusciti ad allungare di nuovo, riportando il proprio vantaggio in doppia cifra, e chiudendo anticipatamente i giochi. Nel Pedaso bene Del Buono, 20 punti per lui, e Ciccorelli che ha chiuso a quota 16. Nell'Ascoli Basket su tutti Bonfigli, miglior marcatore della serata con 23 punti. 

Pallacanestro Pedaso - Ascoli Basket 71-57

Pedaso
: Del Buono 20, Piciotti, Stampatori 10, Ciccorelli 16, Nanni ne, Manfrini 3, Di Silvestro 7, Giulietti 9, Moriconi 2, Albertazzi 4, Menghini. All. Ionni

Ascoli: Santini 5, Falcioni 2, Filipponi 4, De Vecchis, Mattei 7, Falà, Van del Hammen 3, Bonfigli 23, Bassetti 6, Rapposelli 2, Mazzella 5. All. Caponi 

Parziali: 25-11, 15-23, 13-13, 18-10.
Progressivi: 25-11, 40-34, 53-47, 71-57.
Usciti per 5 falli: Mattei e Mazzella (Ascoli)

Arbitri: De Carolis e Marconi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: