Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Poderosa Montegranaro conquista i quarti, le parole di coach Pancotto e Matteo Malermo

Queste le parole di coach Cesare Pancotto in sala stampa: «In primis onore a Latina, alla squadra e al coach. E’ stata una serie tosta perché avevamo davanti una squadra che poteva crearci dei problemi e infatti ce li ha creati. È stata una continua metamorfosi di adattamento, iniziata cinque partite fa e conclusasi questa sera. Ci siamo dovuti migliorare partita dopo partita, anche se incerottati e infortunati e di questo devo ringraziare chi è sceso in campo e chi avrebbe voluto farlo, come Traini. La difesa è stata la parte dominante e determinante perché, tolti gli 86 punti di gara 4, li abbiamo sempre tenuti lontano dai loro abituali 89 di media.

Stasera siamo saliti ancora di più: tenerli a 66 punti è stato un importante preludio alla nostra vittoria. Il resto lo hanno fatto rimbalzi e dominio in area. Sottolineo le prove di Amoroso e Palermo, ma parto da loro e arrivo a tutti gli altri perché hanno fatto una partita importante. Bravi i giovani, bravo Testa che probabilmente l’aveva letto solo nei libri che avrebbe potuto giocare da play. Abbiamo avuto durezza mentale e personalità, siamo stati bravi a farcela. Ho usato i timeout più per far risposare la squadra che per accorgimenti tattici. Dedichiamo la vittoria ai nostri tifosi».

Queste le parole di Matteo Palermo in sala stampa: «Innanzitutto i complimenti a Latina, che ci ha reso la partita non difficile, di più. Se avessero vinto stasera non avrebbero rubato nulla. Noi abbiamo fatto una partita diversa dai nostri standard soprattutto a livello fisico, perché dopo gara 4 abbiamo capito che giocando solo a pallacanestro avremmo potuto perdere. Dovevamo alzare l’asticella dell’intensità e dei contatti. Questo ci ha premiato come anche avere un pubblico che nei momenti importanti ti trascina e ti spinge. Stasera abbiamo giovato di questa spinta e sono contento che finalmente, dopo un periodo con poca gente al palazzetto, sia tornata a farsi sentire la carica del PalaSavelli»

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: