Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La fatica e le assenze si fanno sentire, la Virtus Bologna sconfitta da Cantù in amichevole

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/25-08-2019/fatica-assenze-fanno-sentire-virtus-bologna-sconfitta-cant-amichevole-600.png

Social

Chiavenna, 24 agosto – L’attesa è finita, finalmente si torna a giocare. Oggi a Chiavenna la Virtus Segafredo ha iniziato ufficialmente la nuova stagione 2019/2020, debuttando contro Cantù in un match dal sapore di Serie A, in un Palamaloggia sold out. Sembra passato un secolo da quel 12 maggio in cui i bianconeri avevano battuto Varese, rovinando i sogni Playoff alla compagine lombarda. Non solo, ma proprio durante quella serata fu portata al centro del campo da gioco la Champions League appena conquistata ad Anversa. Un trofeo importante, voluto e celebrato da tutta la città; un trofeo che ha dato il la a tanti cambiamenti e che proietta il popolo bianconero e tutta la Virtus nel futuro, affinché tutti i tifosi Virtussini possano essere finalmente orgogliosi del loro futuro!

Alla vigilia della partita, Coach Bjedov aveva parlato di un Test con poche aspettative, un ritiro impegnativo che aveva reso pesanti le gambe dei nostri ragazzi. Molte le assenze in casa Virtus, da Gamble a Teodosic fino ad arrivare a Ricci impegnato con la Nazionale. D’altra parte pochi giorni di lavoro, giocatori atterrati a Bologna solo 10 giorni fa e tanti giovani aggregati hanno dato vita ad una Virtus ancora molto sperimentale, dove tuttavia Hunter ha fatto vedere di cosa è capace, sono 16 i punti segnati e Markovic, da leader qual è, ha condotto momenti della gara in maniera magistrale.

Primo quarto – Il primo quintetto iniziale della nuova stagione è formato da Hunter, Weems, Gaines, Baldi Rossi e Markovic. Parte forte la Virtus facendo vedere subito un paio di azioni provate in allenamento. Markovic porta il pallone e da indicazioni continue, l’assist per Hunter è un invito a nozze, che non deve fare altro che segnare e portare in vantaggio i bianconeri. Ma Cantù è squadra vera, rodata, che gioca e sa come muoversi sul parquet. La Virtus fatica a trovare la quadra, complice le assenze e i carichi di lavoro. In attacco Cantù è precisa e non perdona e il vantaggio iniziale è subito dilapidato dai bianconeri che devono ricorrere la formazione lombarda, che si porta sul 7 a 2.

La Virtus riprende in mano il gioco in maniera aggressiva e ogni volta che attacca viene fermata con le cattive, sono tanti i falli fischiati agli avversari, tuttavia i bianconeri non ne approfittano, complice qualche appoggio sbagliato in fase di attacco. Allora ci pensa Vince Hunter con altri 2 punti ma Cantù allunga nuovamente, portando il punteggio sul 9 a 4. Baldi rossi fuori dentro Pajola. Hunter schiaccia e siamo sul 9 a 6. Ed è allora che sale in cattedra Markovic che si muove da leader, dà indicazioni e si toglie la soddisfazione di segnare il primo canestro da 3 in maglia Bianconera; 9 a 9 e punteggio di nuovo in parità. Entrano Cournooh e Paunic (aggregato per il ritiro in Valchiavenna). Una bella azione di Weems porta il punteggio sul 13 a 11, ma non finisce qui, pechè Pajola intercetta un pallone in difesa, corre e l’appoggia dolcemente al tabellone fissando il punteggio sul 15 a 11.

Girandola di cambi esce Weems ed entra Peterson, ma Cantù non molla e si rifà sotto con una bella azione in penetrazione che finisce con un fallo: i canturini non sbagliano i due tiri liberi, fissando il punteggio 15 a 13. La partita è gradevole, con rapidi cambi di fronte, ma complice qualche errore di troppo in difesa, regaliamo molti tiri liberi agli avversari. E così, tra un tiro libero per parte si arriva sul finire del primo quarto con la formazione lombarda avanti, ma Cournooh, ex della partita, segna sulla sirena. 22 a 19.

Secondo Quarto: Il secondo quarto è tutto marcato bianco nero. Baldi Rossi fa capire agli avversari che la musica è cambiata e segna subito 2 punti facili, poco dopo è lo stesso Cournooh ad andare a rete, segnando, dopo un fallo subito, i 2 tiri liberi a disposizione. Markovic è uno spettacolo, sale in cattedra e fa capire perché è stato fortemente voluto dal Coach, ragiona, gestisce e segna. Il serbo mostra qualità sopraffine e Cournooh non può fare altro che mettere la palla in rete, 27 a 22. Una bella schiacciata di Hayes sveglia i bianconeri, ma Baldi Rossi non si fa intimidire, stop, tiro e rete che si gonfia per il 30 a 26.

Cantù però non ci sta e riduce lo svantaggio, ma grazie al nostro Vince Hunter, i canturini vengono tenuti a distanza di sicurezza, + 6 Virtus, 36 a 30. Il secondo quarto scivola via tra rapidi capovolgimenti di fronte, il caldo e le gambe pesati, non aiutano ragionare le squadre. Cantù prova a reagire ma la bella intesa tra i due nuovi acquisti produce punti e giocate: Pick and roll di Hunter, Gaines stoppa, tira e segna: 42 a 37 per i bianconeri.
Un errore in attacco della Virtus permette a Cantù di accorciare il risultato prima della sirena. Le Vu Nere chiudono il primo tempo 42 a 39.

Terzo quarto: Weems parte fortissimo e porta subito a 46 a 37 il punteggio della gara con 2 canestri segnati in poco tempo. Altro attacco Virtus e +9 sugli avversari che adesso non sanno come fermarci; Markovic si diverte e trova i 3 punti con un canestro rocambolesco! 54 a 42! Momento della gara favorevole per la Virtus che spinge e trova punti e canestri. Altra azione in fase di penetrazione di Cournooh e altro fallo fischiato; dalla lunetta David è perfetto e il vantaggio aumenta. Ma Cantù non ci sta e vuole riprendersi la partita, la Virtus non accelera e, complici anche i cambi dovuti alla stanchezza, il + 12 viene dilapidato in poco tempo. Dentro Paunic, ma il canovaccio non cambia, girandola di sostituzioni e quintetto giovanissimo con Peterson, Pajola, Camara, al fianco di Paunic e Cournooh. Cantù ci crede, spinta anche dai tantissimi tifosi, trovando il vantaggio e portandosi a 59 – 57.

Ultimo quarto: Coach Bjedov richiama in panchina i 3 giovanissimi, ma i ritmi sono più lenti e spezzettati, complice anche il caldo del Palamaloggia. Fase della partita nella quale le squadre sono poco lucide in fase di attacco. Ma Hunter non lo è e piazza un canestro dopo una bella azione di penetrazione. I canturini però non si fanno impressionare, alzano il ritmo e Burnell va a segno. Primo time out della gara chiamato da Coach Bjedov, che capisce il momento di difficoltà della squadra. L’ultima fase di partita vede Cantù prendere il largo e con un’altra tripla si portano a + 11, 70 a 59. Hunter subisce fallo e segna i 2 tiri dalla lunetta accorciando a 61 . Complici molti falli in fase difensiva, la Virtus non riesce più a rientrare in partita; la fortuna non aiuta i tentativi di tripla di Weems e Baldi Rossi. Solo con un secondo tentativo, Weems porta a 66 le Vu nere ma ormai è dura e Cantù ha preso il largo; 79 a 66 e pochi spiccioli di gara da giocare. La Virtus ha esaurito i falli a sua disposizione e Pecchia non perdona segnando entrambi i tiri liberi. Un ultimo canestro bianco nero fissa il risultato sul 84 a 68. 

Acqua San Bernardo Cantù - Segafredo Virtus Bologna 84-68
(22-19, 40-42, 59-57)

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ: Creek 14, Bresolin, Collins 18, Procida 10, Clarck 2, La Torre 4, Hayes 11, Burnell 15, Baparapè, Simioni 4, Rodriguez, Pecchia 6. All. Pancotto

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA: Camara, Gaines 11, Deri , Pajola 6, Baldi Rossi 8, Markovic 8, Peterson, Paunic 1, Solaroli, Cournooh 8, Hunter 16, Weems 10. All. Bjedov
Arbitri: Chersicla, Barbiero, Caruso

Ufficio Stampa Virtus Bologna
Foto Pagina Facebook Pallacanestro Cantù

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: